banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
moglie mastella2.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Meno bottiglie di plastica per un futuro migliore #IoSonoPlasticFree
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
giovedì 08 agosto 2019



Nel tempo che impiegherete per leggere questo post, circa tre minuti, nel mondo, verranno comprati oltre tre milioni di bottiglie di plastica, nella maggior parte dei casi di acqua minerale.
La stragrande maggioranza non sarà mai riciclata e solo il 7% sarà usato per produrre nuove bottiglie di plastica. Ma nello stesso intervallo di tempo nel mondo verranno prodotti altri 4,5 milioni di bottiglie di plastica. Nell’Unione Europea l’80-85% dei rifiuti marini trascinati sulle spiagge sono di plastica e, di questi, il 50% sono contenitori di plastica monouso o loro componenti: bottiglie di bevande, tappi, piatti, contenitori per alimenti diversi.
La plastica ha cambiato il nostro modo di vivere. La sua straordinaria multifunzionalità e i costi relativamente bassi l’hanno imposta, con prepotenza, nel nostro quotidiano e farne a meno è una sfida difficile.
È, però, innegabile che è uno dei principali protagonisti della progressiva distruzione del nostro Pianeta e, quindi, continuando a usarla ai ritmi attuali, di fatto, stiamo ribaltando su chi verrà dopo di noi il prezzo della nostra comodità e dei nostri risparmi. Il problema della plastica può essere riassunto così: è normalmente progettata per durare per sempre ma è, nella più parte dei casi, usata una sola volta e poi gettata via.
Il 5 giugno scorso, il Parlamento europeo, a una manciata di giorni dal suo scioglimento, ha approvato la Direttiva 2019/904 sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente.
Uno dei principali obiettivi della Direttiva è abbattere drasticamente, in tutti i Paesi membri, il consumo di plastica per oggetti monouso: tappi per bottiglie di plastica, bottiglie, piatti e forchette, filtri per tabacco innanzitutto.
Le soluzioni individuate dalla Direttiva sono diverse e differenziate per tipologie di prodotti: restrizioni alla loro immissione sul mercato, specifiche tecniche di produzione idonee, ad esempio, a fare in modo che il tappo di una bottiglia nasca e muoia con la bottiglia, azioni di sensibilizzazione, obblighi di informazione, responsabilità estesa dei produttori i quali dovranno farsi carico dei costi connessi alla raccolta e al riciclo e smaltimento dei rifiuti generati. È la strada giusta.
Tra il luglio del 2021 e il luglio del 2024 dovremo, come tutti i Paesi membri, recepire la Direttiva e trasformare le regole in azioni concrete. Ma, probabilmente, possiamo fare di più e possiamo farlo prima.
Per ridurre l’uso della plastica e, in particolare, di quella usata per oggetti monouso come le bottiglie, infatti, non serve necessariamente una legge. Ciascuno di noi può fare la sua parte semplicemente tenendo conto del problema nelle proprie scelte di consumo. Un esempio, tra l’altro, lo ha dato nei giorni scorsi la Camera dei Deputati chiudendo le porte di Montecitorio alle bottiglie di plastica e agli altri analoghi contenitori monouso.
E, con un po’ di coraggio, c’è un’altra partita che si potrebbe giocare. È quella delle ACQUE MINERALI.
Nel 2015, secondo i dati del Ministero dell’economia, in Italia, sono stati emunti quasi 16 miliardi di litri di acqua minerale da 194 concessionari ovvero imprese autorizzate dallo Stato a sfruttare le nostre sorgenti. I canoni di concessione – ovvero le fee che i concessionari hanno pagato all’Erario per lo svolgimento della loro attività – sono stati di 18,4 milioni di euro pari allo 0,68% del fatturato annuo del settore stimato in 2,7 miliardi di euro.
Forse si potrebbe ipotizzare, senza attendere il recepimento della Direttiva europea, di stabilire una regola semplice, equa, a prova di futuro in forza della quale il canone concessorio varia in maniera direttamente proporzionale alla quantità di plastica prodotta: più plastica si usa più il conto è salato, meno plastica si usa più la concessione è a buon mercato.
È solo una questione di priorità. Se il futuro è prioritario, allora è la cosa giusta da fare.
font.blogdellestelle

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (19) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 32

 
Il Salario minimo orario abolirà lo sfruttamento
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
domenica 28 luglio 2019



L’articolo 36 della Costituzione Italiana dice che “Ogni cittadino italiano ha diritto a una paga dignitosa”.
È un diritto sancito dalla nostra Costituzione che è stato tradito da tutti quelli che hanno governato l’Italia in questi anni, adesso è arrivato il momento di dire BASTA ALLO SFRUTTAMENTO E ALLA SCHIAVITÙ DELLE PERSONE! La soluzione si chiama salario minimo orario.
È una proposta che questo governo e come MoVimento 5 Stelle stiamo portando avanti con tutte le nostre forze per sancire un diritto, che ogni cittadino debba guadagnare almeno 9 euro lordi all’ora che significa arrivare ad uno stipendio minimo di almeno 1200 euro al mese.
Certo, la contrattazione collettiva resterà sempre centrale per definire gli stipendi dei lavoratori, ma qui stiamo parlando di tutti quelli che sono definiti “Contratti Pirata”, stiamo parlando di tutti quei tipi di retribuzione che non sono tutelati e che hanno fatto di tante persone degli sfruttati, non dei lavoratori.
Il salario minimo è nel nostro DNA, nel 2013 era all’interno della nostra proposta di legge sul reddito di cittadinanza, quando abbiamo fatto il contratto di governo, abbiamo portato nel contratto di governo sia il reddito di cittadinanza che è stato approvato, sia il salario minimo e adesso è il momento di bloccare quel circolo vizioso per cui in Italia ci sono persone che guadagnano poco, lavorano tantissimo e sono sotto la soglia di sfruttamento.
Fanno parte di quella categoria di persone che dice di lavorare, ma in realtà non si sta rispettando l’articolo 36 della Costituzione. Di chi stiamo parlando? Stiamo parlando di giardinieri, autisti, pizzaioli, camerieri. Stiamo parlando di tanti giovani, ma anche meno giovani che in questo momento hanno diritto ad una paga dignitosa come dice la nostra Costituzione.
È già iniziata la boutade, gli attacchi alla proposta di legge sul salario minimo. Io ce l’ho qui, è la proposta di legge di Nunzia Catalfo, senatrice del MoVimento 5 Stelle e Presidente della Commissione Lavoro del Senato della Repubblica e insieme a tutti i nostri senatori. Gli attacchi che riceverà questa legge sono gli stessi attacchi che ha ricevuto il Decreto Dignità: ve lo ricorderete, tutti dicevano che “avrebbe fatto saltare decine di migliaia di posti di lavoro”, poi siamo andati a vedere e in realtà ad un anno di distanza ci sono 230.000 contratti stabili in più. Non solo non diminuiscono i posti di lavoro, ma addirittura i contratti precari diminuiscono e aumentano quelli stabili: questo era l’obiettivo del Decreto Dignità e adesso dobbiamo dare dignità alle retribuzioni.
Pensate che ci sono decine di migliaia di persone che guadagnano tra i 400 e i 500 euro al mese che significa oscillare tra i 2 e i 3 euro all’ora. Questo circolo vizioso lo possiamo fermare con questa legge in un’Europa, in cui su 28 Paesi ben 22 hanno già il salario minimo, l’Italia che è Paese fondatore ha il dovere di agire. Questa legge ha già iniziato il suo percorso all’interno della Commissione Lavoro del Senato della Repubblica, adesso dobbiamo accelerare l’iter perché tutti qui dicono a chiacchiere che sono dalla parte dei lavoratori, tutti dicono che sono dalla parte di chi lavora, ma in realtà, in realtà, chi approverà il salario minimo sarà colui che avrà tutelato i diritti dei lavoratori.
Chi invece in questo momento lo sta rallentando, be’ sta dando una pugnalata a quei lavoratori, a tutti coloro che guadagnando 400-500 euro al mese non riescono a volte ad iscrivere i propri figli a scuola, non riescono a permettersi una pizza con la fidanzata il sabato sera, non riescono a permettersi 2-3 giorni di vacanze.
Stiamo parlando di stipendi che non consentono di affrontare le spese di ogni giorno, le spese per arrivare a fine mese.
Ebbene col salario minimo tutto questo finirà e lo dobbiamo fare il prima possibile e nei prossimi giorni ci saranno novità.
di Luigi Di Maio
font.blogdellestelle

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (22) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 47

 
Mai più comuni senza asili nido. Il federalismo diventa più umano
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
venerdì 26 luglio 2019



il 25 Luglio abbiamo raggiunto un risultato storico, nel silenzio di giornali e tv.
Ricorderete il federalismo comunale, realizzato a partire dal 2011. Si trattava di premiare le specificità territoriali, garantendo ai comuni autonomia tributaria. Naturalmente però non tutti i comuni hanno la stessa capacità fiscale, perché un comune del Sud Italia o un piccolo comune tendenzialmente riscuotono meno imposte di un grande comune nordico, dove il reddito medio dei cittadini è più alto. Ecco allora che veniva in soccorso il Fondo di Solidarietà Comunale. Dal 2015, infatti, si sono cominciati ad applicare criteri di riparto delle risorse di tipo perequativo, basati sulla differenza tra capacità fiscali e fabbisogni standard dei singoli comuni per l’assegnazione di quote via via crescenti.
In quel Fondo parte del gettito fiscale di tutti i comuni andava a finanziare i servizi dei comuni più bisognosi. Il problema è che per stabilire quanti soldi dovessero andare ai singoli comuni bisognosi (i cosiddetti Fabbisogni Standard) si prendevano a riferimento variabili molto discutibili.
La Commissione Tecnica Fabbisogni Standard, presieduta fino al 2016 dal deputato del PD Luigi Marattin, stabilì ad esempio che se un Comune non era riuscito a garantire il servizio asilo nido negli anni precedenti, aveva un fabbisogno per gli asili nido pari a ZERO. Si prendeva a riferimento la spesa storica di quel Comune per negare a migliaia di bambini e alle loro famiglie un servizio pubblico fondamentale. Chi nasceva in un comune ricco poteva usufruire degli asili nido, chi nasceva in un comune povero no, e lo Stato cristallizzava questo divario contravvenendo all’articolo 3 della Costituzione, che al secondo comma afferma un principio fondamentale: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.
Con noi al governo le cose sono cambiate e ieri abbiamo portato a termine un lavoro iniziato fin dai primi mesi di legislatura. Non ci sarà più nemmeno un comune con fabbisogno ZERO per gli asili nido. Insieme alla Commissione Tecnica Fabbisogni Standard e al suo nuovo Presidente Giampaolo Arachi si è deciso che va garantito a chiunque un livello minimo di fabbisogno, in una forbice che va dal 7% dei bambini tra 0 e 2 anni residenti nel comune e il 28%, anche a seconda della dimensione dell’ente. Per migliaia di comuni, del Sud ma anche del Nord, significa ricevere risorse che prima non avevano per poter garantire un servizio da non sottovalutare. Poter contare sull’asilo nido incentiva le donne al lavoro, con ricadute positive su tutta l’economia.
Questa grande vittoria, di cui vado orgogliosa e che non sarebbe mai stata raggiunta senza la pressione del M5S, è solo il primo passo. In ballo infatti ci sono i cosiddetti Livelli Essenziali di Assistenza (LEP), richiamati nella Costituzione. Prima di attuare qualsiasi forma di maggiore autonomia la politica dovrebbe decidere un livello essenziale per ogni servizio pubblico sotto il quale nessun ente territoriale potrà mai andare. Tutti i cittadini devono godere almeno di quel livello, indipendentemente dal luogo in cui risiedono. La bella notizia di ieri, quindi, è una meravigliosa pezza con la quale abbiamo coperto il buco del federalismo comunale targato PD, ma non basta. Il M5S pretende che si calcolino al più presto i LEP, anche nell’ottica del federalismo regionale in discussione in questi mesi. Qualcuno infatti vorrebbe realizzare l’autonomia differenziata di Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna senza tener conto della solidarietà nazionale, rischiando di spaccare definitivamente il Paese in due. Noi non ci muoveremo da alcuni paletti fondamentali, e i LEP sono uno di quelli.
font. blogdellestelle


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (18) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 38

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 9 - 12 di 743





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |