banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
marino mamma.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

In Sudafrica il primo Summit Mondiale della Filantropia di Comunità
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
giovedì 24 novembre 2016
Si terrà a Johannesburg l’1 e 2 dicembre, promosso dal Global Fund for Community Foundations e dalla Global Alliance for Community Philanthropy. A rappresentare l’Italia ci sarà Assifero - Associazione nazionale delle Fondazioni e degli Enti della Filantropia Istituzionale



La capitale che ospiterà il Primo Summit Globale della Filantropia di Comunità (GSCP) sarà Johannesburg in Sud Africa (1 e 2 dicembre 2016) a testimoniare l’evoluzione della Filantropia di Comunità in tutti i continenti. Secondo il Community Foundation Atlas sono oggi 1838 le Fondazioni di Comunità a testimonianza della vitalità di un movimento nato 100 anni fa negli USA diffusosi a partire dalla fine degli anni Novanta in tutto il mondo.
Anche la stessa definizione di “Fondazioni di Comunità” è in evoluzione. Se l'identità delle "Fondazioni di Comunità" si è ben affermata in alcune parti del mondo, in cui la società civile è più organizzata per individuare soluzioni efficaci a problemi condivisi, negli ultimi anni sta venendo avanti un'idea più ampia, più inclusiva del campo definito “Filantropia di Comunità". Questo "campo" è altamente diversificato, e comprende Fondazioni di Comunità, grantmakers di base, fondi dedicati (a supporto delle donne, dell’ambiente, ecc.) pur mantenendo alcune caratteristiche comuni, in particolare in termini di asset, capacity e fiducia .
Il primo Summit Globale della Filantropia di Comunità, promosso dal Global Fund for Community Foundations e dalla Global Alliance for Community Philanthropy, la prossima settimana in Sudafrica ha l’obiettivo di generare un cambiamento verso un nuovo paradigma che metta al centro dello sviluppo le persone e di motivare i/le partecipanti a perseguire questo primo macro obiettivo al fine di dare vita a un circolo virtuoso.
Il programma della due giorni, infatti, oltre a momenti di plenaria lascerà molto spazio al racconto di esperienze, al dibattito e al confronto, e ruoterà attorno a questi otto pilastri di “buon sviluppo”:
la partecipazione e la mobilitazione delle persone
il valore aggiunto della Filantropia di comunità in relazione a temi specifici
le risorse da utilizzare diversamente
l’utilizzo di dati e testimonianze per migliorare il proprio lavoro
il rafforzamento del lavoro delle istituzioni mostrando vie alternative e nuove forme di partecipazione
la valorizzazione degli interventi efficaci
la narrazione e la comunicazione
l’architettura e l’ibridazione per incoraggiare forme nuove ed emergenti verso lo sviluppo locale.
Per quanto riguarda nello specifico le Fondazioni di Comunità italiane e ASSIFERO, Associazione nazionale delle Fondazioni e degli Enti della Filantropia Istituzionale nonché membro dell’Advisory Commitee dell’iniziativa, parteciperanno al Summit nell’ambito della promozione della Filantropia di Comunità in Italia e nel mondo come strumento innovativo di partecipazione e promozione di sviluppo umano a livello locale.
La partecipazione italiana al Summit mira a rafforzare la capacità (capacity building), le competenze e il network degli operatori delle Fondazioni comunitarie e di ASSIFERO come associazione italiana della filantropia istituzionale attraverso il confronto, il dialogo e il networking internazionale.
Grazie al contributo di Compagnia di San Paolo, di Fondazione Cariplo e di Fondazione Con il Sud saranno 14 i delegati italiani che con ASSIFERO rappresenteranno l’Italia a Johannesburg da Fondazione della Comunità del Canavese, Fondazione della Comunità Comasca, Fondazione della Comunità Messina, Fondazione della Comunità di Mirafiori, Fondazione della Comunità Nord Milano, Fondazione della Comunità di San Gennaro, Fondazione della Comunità Ticino Olona, Fondazione della Comunità Monza Brianza, Fondazione della Comunità Salernitana, Fondazione della Comunità Valle d’Aosta, Fondazione della Comunità del Verbano Cusio Ossola.
Grazie ai canali social attraverso l’hashtag #shifthepower tutti possono seguire la due giorni per scoprire come le organizzazioni della Filantropia di Comunità stanno “trasformando potere” andando oltre la logica donatore-beneficiario.
Segui il Global Summit on Community Philanthropy sul sito web http://cpsummit.ngo/, e sui rispettivi canali Twitter e Facebook.
font.Vita.it


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (48) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 167

 
Un terzo dei bambini nel mondo non va a scuola
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
giovedì 24 novembre 2016
Un terzo dei bambini che vivono in Paesi in via di sviluppo non va a scuola perché costretti a lavorare. A conferma dello studio, l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) sostiene che nel mondo almeno 59milioni di bambini non frequentano la scuola primaria. Secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), nel mondo ci sono 168 milioni di bambini e adolescenti costretti a lavorare, 85 milioni di essi sono impegnati in lavori altamente pericolosi. Nel rapporto del 2015, l’Ilo riporta che nei Paesi a basso reddito, il 20-30% dei minori sotto i 15 anni, lascia la scuola per iniziare a lavorare.



Nel 2015, i Paesi membri delle Nazioni Unite hanno approvato l’obiettivo comune di rendere gratuita e accessibile la scuola primaria e secondaria a tutti i bambini entro il 2030. Tutti questi dati sono pubblicati in occasione della Giornata mondiale dell’infanzia, che si celebra il 20 novembre. Tale giornata, promossa dall’Onu, ha lo scopo di promuovere i diritti del bambino. Il 16 novembre scorso, papa Francesco, ha richiamato l’importanza di questa Giornata. All’udienza generale egli ha detto: “Faccio appello alla coscienza di tutti, istituzioni e famiglie, affinché i bambini siano sempre protetti e il loro benessere venga tutelato, perché non cadano mai in forme di schiavitù, reclutamento in gruppi armati e maltrattamenti. Auspico che la Comunità internazionale possa vigilare sulla loro vita, garantendo ad ogni bambino e bambina il diritto alla scuola e all’educazione, perché la loro crescita sia serena e guardino con fiducia al futuro”.
Font. Asianews.it/unimondo.org

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (46) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 173

 
La vittoria di Trump consegnerà la leadership climatica mondiale alla Cina?
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
domenica 20 novembre 2016
L’elezione di Donald Trump, da sempre scettico sul cambiamento climatico scettico, a presidente degli Stati Uniti d’America potrebbe consegnare la leadership della lotta internazionale contro il riscaldamento globale, assunta nell’ultimo anno da Barack Obama, a un nuovo improbabile campione climatico mondiale: la Cina, maggior inquinatore del pianeta insieme agli Usa e bestia nera economica di Trump. Il governo comunista cinese, che ha lavorato a fianco di Obama per giungere all’Accordo di Parigi del 2015, ha prodotto con questa collaborazione la dinamica che ha portato all’entrata in vigore dello stesso Accordo il 4 novembre, ben prima di quanto previsto.



Ma Trump ha definito il riscaldamento globale una bufala creata inventata proprio dalla Cina per danneggiare l’economia statunitense e ha promesso che gli Usa usciranno dall’Accordo di Parigi e che non applicheranno le politiche, le leggi e i regolamenti approvati da Obama per combattere il cambiamento climatico. Per far capire che non scherza, il presidente eletto Usa ha detto che sarà Myron Ebell, un famigerato climate change skeptic, a gestire la transizione all’Environmental protection agency (Epa) l’agenzia federale odiata dai repubblicani e dalle multinazionali dei combustibili fossili per aver redatto le principali normative ambientali dell’amministrazione Obama, come quelle per il risparmio energetico, l’ energia pulita, le emissioni delle centrali elettriche e gli e standard di efficienza per auto e camion.
La Cina, che è proprietaria di un bel pezzo di debito statunitense, teme i dazi sulle sue merci annunciati dall’isolazionista Trump, ma è pronta a cogliere al balzo l’occasione e assumersi la leadership di una trattativa climatica che per Pechino e che per molti altri governi è una delle questioni più urgenti: decarbonizzare l’economia, disinquinare e salvare il pianeta da una catastrofe climatica. Come ha detto alla Reuters uno dei maggiori negoziatori cinesi alla Cop22 Unfccc in corso a Marrakech, Zou Ji, vice direttore del Centro nazionale per la strategia sui cambiamenti climatici, «Agire proattivamente contro il cambiamento climatico migliorerà l’immagine internazionale della Cina e ci permette di assumere una superiorità morale. Se Trump abbandona gli sforzi per attuare l’Accordo di Parigi, l’influenza e la voce della Cina nella governance climatica globale rischiano di aumentare, per poi sconfinare in altre aree della governance globale ed aumentare la statura, il potere e la leadership globale della Cina»
Anche Chen Zhihua, un rappresentante della delegazione cinese a Marrakech e responsabile cambiamenti climatici nella potente della Commissione per lo sviluppo e la riforma, agenzia di pianificazione economica del governo cinese, ha detto alla Reuters che «Gli sforzi cinesi e di altri Paesi non cambieranno se gli Stati Uniti si ritireranno dall’Accordo. L’azione della comunità internazionale non si fermerà a causa del nuovo governo degli Stati Uniti. Abbiamo ancora che l fiducia che la comunità internazionale saprà stringersi le mani e continuare i nostri sforzi sui cambiamenti climatici».
Ma nonostante il confermato impegno cinese, in diversi a Marrakech sono preoccupati perché, senza il coinvolgimento e il sostegno finanziario degli Usa, economie emergenti come l’India potrebbero tornare indietro rispetto agli impegni climatici presi di recente. Secondo Anjali Jaiswal, direttrice dell’India Initiative del Natural resources defense council, una delle più grandi associazioni ambientaliste Usa, questo rischio non c’è: in Idia l’inquinamento atmosferico ha raggiunto il livello più alto, ma le fonti rinnovabili hanno superato il carbone e il premier della destra induista, Narendra Modi, «ha sottolineato l’impegno dell’India per una forte azione sui cambiamenti climatici, sottolineando che è la cosa giusta da fare per il popolo indiano e per la crescita economica globale». Anche nella delegazione statunitense, scioccata dalla vittoria di Trump, si spera che la Cina tenga duro e riesca a mantenere in vita l’accordo globale sul clima nonostante quella che si annuncia come un continuo boicottaggio della prossima amministrazione statunitense. L’ex .inviato speciale Usa per il cambiamento climatico, Todd Stern, spera la Cina «continui a lavorare nello stesso spirito con il quale abbiamo lavorato insieme a Parigi e prima». Si tratta di un ribaltamento di prospettiva epocale: se è vero le amministrazioni repubblicane di Geoge W. Bush avevano boicottato il Protocollo di Kyoto perché Paesi come la Cina e l’India non volevano assumersi impegni certi, la Cina si era sempre opposta si tentativi dei Paesi sviluppati di imporle di limitare le emissioni di CO2, sostenendo che i Paesi in via di sviluppo avevano il diritto di svilupparsi e inquinare che aveva permesso ai Paesi occidentali di diventare ricchi. Ma la rapidissima crescita cinese si è rivelata venefica e la popolazione, soffocata dallo smog e sempre più arrabbiata per un inquinamento sfrenato, ha costretto anche il regime cinese a cambiare opinione e passo, diventato uno dei maggiori sostenitori della lotta al riscaldamento globale e il leader mondiale delle energie rinnovabili.
Come ha detto ha detto Erik Solheim, direttore esecutivo dell’United Nations environment programme (Unep), «Sul clima la Cina sta agendo per il bene del suo popolo. Sono fiducioso: la Cina avrà un ruolo guida». A differenza di Trump, la leadership comunista cinese sa bene che, se vuole scongiurare le cappe di smog che avvelenano le sue megalopoli, ondate di caldo, siccità, inondazioni e innalzamento del livello del mare, che hanno già causato centinaia di miliardi di dollari di danni e che entro il 2100 potrebbero arrivare a migliaia di miliardi di dollari di danni entro il 2100, se vuole salvare la sua economia, deve per forza assumere la leadership della transizione energetica, diventare una “superpotenza energetica pulita”, confermare e ampliare il suo predominio nelle tecnologie delle energie rinnovabili, come l’eolico e il solare. L’isolazionismo e l’ecoscetticismo di Trump potrebbero trasformare la Cina nella principale potenza geopolitica. I comunisti cinesi sembrano in grado di guardare molto più lontano dei repubblicani statunitensi.
Come spiega Andrew Steer, presidente del World resources institute: «Avere a che fare con le pressioni dell’urbanizzazione continua in alcune delle più grandi città del mondo, ha già portato la Cina in testa. Pechino innova per costruire città low-carbon. Guarda al carbonio come a un indicatore di inefficienza economica. Come businessman, il presidente eletto Trump deve capire che l’America ha numerose opportunità per creare una moderna economia, ad alta efficienza che sia adatta al XXI secolo, investendo nell’energia pulita». Infatti, puntando sulle energie rinnovabili, Trump potrebbe contribuire a mantenere la promessa elettorale di creare nuovi posti di lavoro e potrebbe aiutare i minatori e i disoccupati della Rust Belt. Durante la campagna elettorale, il vice presidente eletto Mike Pence ha detto che la nuova amministrazione metterà fini alla guerra contro il carbone: Ma riapre le miniere è economicamente insostenibile e sarebbe meglio puntare sulla formazione dei lavoratori per le energie rinnovabili. Uno studio pubblicato ad agosto ha di mostrato che con un investimento minore, tutti i lavoratori del carbone potrebbero essere riqualificati per lavorare nel solare.
Su ThinkProgress l’indo-americana Mythili Sampathkumar sottolinea che «Al mondo c’è l’obbligo di aiutare a prendersi cura del pianeta. E la responsabilità degli Usa per le loro emissioni è stata uno dei motivi per cui l’accordo di Parigi non è un trattato formale. Lo scorso dicembre, il linguaggio è stato faticosamente e attentamente studiato in modo che il presidente Obama potesse far in modo che gli Stati Uniti potessero aderire senza l’approvazione da parte di un Senato recalcitrante. Tecnicamente, questo lascia la porta aperta anche a Trump per recedere dall’Accordo senza l’approvazione del Senato. Però il ritiro non è un’iniziativa che nuovo presidente possa adottare immediatamente, nonostante abbia promesso di farlo durante la sua retorica campagna elettorale. Quando gli Stati Uniti hanno aderito all’accordo, è diventato bloccato per un periodo non inferiore a tre anni, fino al 20 gennaio 2018. Solo a quel punto gli Stati Uniti saranno in grado di informare l’organismo Onu per i cambiamenti climatici con una “comunicazione scritta” e il ritiro entrerebbe in vigore un anno dopo che la notifica verrà ricevuta, il che significa che ci vorrebbero almeno quattro anni prima che gli Usa possano uscire dall’Accordo . (Un’altra strada per Trump sarebbe quella di uscire dall’United Nations conference on climate change, che potrebbe essere effettiva in un anno)».
Ma mentre Trump potrebbe ritirarsi dall’Unfccc o semplicemente ignorare l’Accordo di Parigi, il cambiamento climatico continuerà. Come sottolinea Alden Meyer, policy director dell’Union of concerned scientists, «E ‘chiaro che Donald Trump sta per diventare una delle persone più potenti del mondo, ma neanche lui ha il potere di cambiare le leggi della fisica, per fermare l’impatto dei cambiamenti climatici, per fermare l’aumento dei livelli del mare: Se il presidente Trump si ritirasse dagli impegni finanziari e sulle emissioni alla base dell’Accordo di Parigi o dagli accordo bilaterale del nostro Paese con la Cina, questo avrà un impatto negativo la sua capacità di ottenere la collaborazione dei leader mondiali su altre questioni che lo preoccupano, come il commercio e il terrorismo». Se Trump crede il cambiamento climatico sia una bufala cinese, come possono i Paesi in via di sviluppo aspettarsi di ottenere il denaro necessario per ricostruire le infrastrutture per far fronte ai danni causati al clima, fin dall’inizio della rivoluzione industriale, dalla crescita economica degli Usa e delle altre economie sviluppate? Tra i delegati della Cop22 Unfccc la delusione per la svolta negli Usa è evidente e per molti Paesi la Cina rappresenta già un esempio. Tosi Mpanu Mpanu, della Repubblica democratica del Congo, che guida il 48-nation group dei Paesi meno sviluppati al summit climatico di Marrakech ha detto alla Reuters: «La Cina ci è sorprendente tutti i giorni. Qualunque cosa hanno promesso, la stanno fornendo».
Se molti delegati a Marrakech la buttano sullo scherzo paragonando la vittoria di Trump negli Usa a quella di Silvio Berlusconi in Italia, Katherine Egland, responsabile giustizia ambientale e climatica della National association for the advancement of colored people, non ci vede niente da ridere e ha paragonato il movimento climatico nell’era di Trump al movimento dei diritti civili: «Quando è cresciuto nel profondo Sud nel corso degli anni ‘60, era normale per gli eletti cercare di fermare il movimento dei diritti civili. Ma, come per quella lotta, il nostro movimento contro il cambiamento climatico prevarrà. La mia comunità di minoranze ed economicamente svantaggiata del Golfo del Messico è una delle più colpite dai cambiamenti climatici negli Stati Uniti. Sono sopravvissuti ala fuoriuscita di petrolio della BP e all’uragano Katrina e il piano della nuova amministrazione Trump la lascia “completamente responsabile” di combattere il cambiamento climatico». Lou del Bello, una giornalista italiana che vive a Nairobi, ha paragonato l’elezione di Trump a quello che ha passato come immigrata durante il referendum sulla Brexit: «Ho visto quel che questo tipo di narrazione politica instilla nelle persone. [La vittoria di Trump] è la diffusione dello stesso virus. L’odio, il fanatismo, la violenza, solo che questa volta abbiamo un assaggio di ciò che potrebbe essere il futuro degli Stati Uniti».
Font. Greenreport.it/unimondo
ù

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (44) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 160

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 37 - 40 di 576





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV




MATTEO SALVINI FIGURA DI MERDA PARLAMENTO EUROPEO


MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


iLIKE.TV ........................................



UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Atene


Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides

Londra
Alternate Text

vivere di sola frutta

FIGURE DI MERDA


PALAS Civitanova Marche






<
  | Top |