banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
controinquinamento.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Che aria che tira
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
lunedì 04 febbraio 2019



Una cinquantina di persone, l’atmosfera accogliente e informale della caffetteria del MUSE – Museo delle scienze di Trento, due professionisti appassionati e generosi di spunti e prospettive.
Prospettive che si incontrano per discutere di un presente critico, nel vero e proprio senso etimologico della parola: un presente di crisi, che ci vede sul crinale di scelte importanti, definitive, e che rappresenta certo opportunità e sfide, ma che porta anche con sé paure e assunzioni (necessarie ma non scontate) di responsabilità. In un museo delle scienze, luogo di ricerca e cultura, di sviluppo e divulgazione, si incrociano lo sguardo attento al passato del paleontologo Massimo Bernardi e lo sguardo rivolto al futuro del previsore di Meteo Trentino Roberto Barbiero. Si parla di cambiamenti, quelli epocali calcolati in milioni di anni e quelli del nostro tempo, insignificanti negli intervalli temporali della geologia, ma unici e profondamente significativi non solo per noi che ne siamo testimoni, non solo per gli ecosistemi che ne sono i protagonisti e al contempo le vittime, ma anche per i paleontologi del futuro, che leggeranno nelle rocce i segni indelebili delle nostre decisioni.
Perché di fatto di questo si tratta, di decisioni. Siamo la prima specie a trovarsi di fronte a uno scenario di estinzione e ad averne consapevolezza, e quindi, qualunque sarà la strada che vorremo intraprendere, non sarà mai esito di ciò che non sapevamo. E non potremo mai dire di non averlo saputo. Bene. Allora, se scelte dobbiamo fare, per trovare indicazioni e risposte è importante porsi domande oneste e corrette. Partiamo da questa, per esempio: cosa sta succedendo al clima del nostro Pianeta? E perché la paleontologia ci può aiutare a capirci qualcosa?
Due sono gli elementi anomali rispetto alla nostra storia più recente:la velocità con cui il clima sta cambiando e le temperature si stanno riscaldando; il contributo dell’uomo, che per la prima volta entra attivamente (e a gamba tesa?) come attore e non come comparsa su queste modifiche. Il clima è un complesso sistema di interazione di molti fattori, derivante da scambi di energia e materia che ne determinano le condizioni medie a livello planetario, avendo il sole come motore energetico. Se fino a un certo momento i fattori di cambiamento sono stati naturali (ce lo dicono studi sui carotaggi effettuati nei ghiacciai), negli ultimi secoli l’aumento della temperatura globale è stata però di circa 1,1°C rispetto all’era pre-industriale: ma 1°C… è tanto o è poco?
Pensiamo al nostro corpo: 1 grado in più fa la differenza, ci dice per esempio se abbiamo la febbre oppure no. La terra è “un corpo” di 42 mila chilometri di circonferenza e 6 mila chilometri di diametro, e in molti luoghi del Pianeta sono già state adottate contromisure rispetto a cambiamenti irreversibili dovuti alla variazione delle condizioni e delle temperature: ci riferiamo per esempio all’innalzamento del livello dei mari, con l’acqua salata che invade i pozzi di acqua potabile e i terreni coltivabili; ma si pensi anche agli effetti fisici diretti, come la riduzione dei ghiacci continentali e lo scioglimento del permafrost, il terreno perennemente ghiacciato, che non solo crea disagi alle vie di comunicazione, ma che libera sulla terra e nell’aria una quantità di materiale biologico prima ghiacciato, che ora si decompone ed emette ulteriori gas serra e metano; ma si consideri anche l’aumento per intensità e frequenza di fenomeni ed eventi estremi (siccità, alluvioni, etc.) che, è scontato ricordarlo, hanno impatto anche sullo stato di salute delle persone; per non parlare poi dei danni indiretti, quelli ecosistemici (uno su tutti, la scomparsa di aree della barriera corallina), senza contare i conseguenti impatti socioeconomici.
Cosa può quindi raccontarci la storia geologica del nostro Pianeta? Geologicamente, la vita ha un motore importante: l’estinzione. Gli organismi nascono e muoiono in un ciclo di vita naturale che spinge avanti l’evoluzione. Da studi ostinati e dettagliati sugli affioramenti rocciosi nel mondo, si scopre che la biodiversità cresce con una certa costanza ma, quando cala, lo fa bruscamente. Sono appunto le grandi estinzioni di massa, quelle in cui in pochissimo tempo circa il 60/70% delle specie si estinguono, quelle che hanno spinto alcuni a riferirsi all’attuale periodo come Antropocene, definendone per differenza la netta unicità rispetto ai periodi precedenti.
Insomma, di fronte al variare delle condizioni di tolleranza che gli organismi possono sopportare all’interno di ecosistemi intricati e complessi, le strade sono poche e definite: muoversi, adattarsi oppure estinguersi. E se il panda, il rinoceronte o l’orso bianco diventano per noi teneri simboli di un’estinzione che ci fa paura e ci chiama ad agire, è importante ricordare anche che i biodiversity hotspots sono soprattutto altri. La vita sulla terra si radica in zone del Pianeta molto ricche di biodiversità, come l’Amazzonia, le foreste tra Tanzania e Congo, le foreste del Borneo, ovvero le aree intertropicali (si veda la Red List IUCN). E non serve allontanarci molto, se pensiamo che in Europa esiste oggi una sola foresta primaria, quella di Białowieża, in Polonia. Un sito patrimonio UNESCO che, ciò nonostante, si trova a combattere ancora una volta contro le aggressioni dell’uomo.
Insomma, se non sceglieremo di guardare in faccia la realtà, potremmo davvero e soltanto dire che il nostro problema siamo stati proprio noi. “È una linea tratteggiata, quella verso la sesta estinzione, ma non siamo già lì”, ci ricorda Massimo Bernardi. E ci invita a prendere una posizione: perché potremmo anche decidere di estinguerci, ma almeno non avremmo subito la sorte dei trilobiti, creature marine scomparse senza nemmeno rendersene conto.
Quale destino sceglieremo allora per il nostro Pianeta? di Anna Molinari
font.unimondo.org

Anna Molinari
Giornalista pubblicista, laureata in Bioetica presso la Facoltà di Scienze Filosofiche di Bologna, ha frequentato a Roma la scuola di Scienze politiche internazionali, cooperazione e sviluppo di Focsiv e ha lavorato presso il Ministero dell’Interno - Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Consiglio Italiano per i Rifugiati. Dal 2011 cura per Fondazione Fontana Onlus e in provincia di Trento laboratori formativi e percorsi di sensibilizzazione rivolti a scuole e cittadinanza su temi a carattere sociale, con particolare attenzione a tutela ambientale, sovranità alimentare, stili di vita sostenibili ed educazione.

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (26) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 81

 
Il futuro del lavoro. Un dibattito fondamentale per il nostro Paese
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
lunedì 04 febbraio 2019



Sono contento che in molti abbiano voluto intervenire in un dibattito come quello sul futuro del lavoro (che poi coincide per larga parte con il futuro della società) che è obiettivamente difficile. Ringrazio quindi anche coloro che non sono d’accordo sul merito e sul metodo della ricerca, perché spero che contribuiscano più di altri a stimolare la nascita di un pensiero critico e costruttivo su un tema che, purtroppo, non è pura speculazione. Non è un caso se proprio l’impatto dell’iperproduttività delle tecnologie esponenziali sia stato uno dei temi centrali di discussione nel recente incontro a Davos.
Penso che dobbiamo affrontare questo argomento senza pregiudizi ideologici. Quindi, rispetto per esempio alle obiezioni di Massimo Famularo sul Fatto Quotidiano mi sento di rassicurare tutti che non è mia intenzione promuovere o giustificare l’intervento statale nell’economia. Anzi, come imprenditore, credo che la competitività su un mercato libero, sebbene regolamentato, sia la prima leva della produttività. Il nocciolo della questione, però, è proprio qui: la competitività.
La corsa delle aziende oggi è su questo fronte: contenere i costi, velocizzare e ottimizzare i processi per essere più competitivi sul mercato globale. Quindi, se è vero che l’evoluzione tecnologica non avviene in modo lineare, come giustamente hanno rilevato Stefano Quintarelli e Luciano Floridi (tra l’altro bisogna riconoscere l’impegno di Open per il fact checking sui dati riportati nel video), dobbiamo considerare che non avviene in modo lineare nemmeno l’adozione delle nuove tecnologie. Se fino a ora sono state riservate a pochi grandi e grandissimi operatori sul mercato – pensiamo ad Amazon per esempio – nel giro di pochi anni diverranno accessibili a molte più imprese e il numero crescerà in modo esponenziale. Gli imprenditori italiani sanno bene quale impatto può rappresentare l’intelligenza artificiale per le loro aziende, come ha ben spiegato recentemente anche Edoardo Narduzzi.
Se in Europa e in Italia fatichiamo a parlare esplicitamente dell’impatto che questo fenomeno avrà necessariamente sull’occupazione, in altri luoghi dove la cultura sindacale e il tema della dignità del lavoratore sono molto meno radicati, l’argomento viene affrontato senza reticenze. Giusto per citare un paio di esempi: Terry Gou, presidente della taiwanese Foxconn ha dichiarato pubblicamente che sostituirà l’80% della forza lavoro con sistemi automatizzati in 5 o massimo 10 anni; Richard Liu, fondatore della società di e-commerce cinese JD.com, ha dichiarato che spera un giorno di riuscire ad automatizzare al 100% la sua azienda.
Come potranno le nostre imprese competere su scala globale se non stando al passo con il resto del mondo ed evolvendosi nel segno dell’automazione?
Alle obiezioni di Domenico De Masi rispondo, per esempio, con uno studio dell’OECD, che fotografa una situazione abbastanza precisa sull’impatto che l’automazione e l’intelligenza artificiale avranno nei prossimi anni sull’occupazione: 210 milioni di posti di lavoro a rischio nei 32 paesi considerati nello studio. Ma di fonti che è possibile consultare per farsi un’idea dello scenario che ci attende ce ne sono ormai numerose, per esempio lo studio di Redwood Software e Sapio Research oppure quello di PWC.
L’Intelligenza Artificiale creerà posti di lavoro? Nel breve periodo è possibile, ma sul medio e lungo termine il saldo sarà pesantemente negativo. Pietro Ichino rileva giustamente che nell’ultimo quarantennio di forte sviluppo dell’automazione la forza-lavoro italiana è aumentata da 19 a 22 milioni, ma non considera due fattori chiave. Il primo: l’evoluzione tecnologica che si prospetta nei prossimi 5-10 anni è esponenzialmente più veloce di quella avvenuta negli ultimi 40. Non è paragonabile in alcun modo e questo dovrebbe tenerlo presente anche Michele Boldrin nei suoi ragionamenti. Basti pensare che esistono già oggi sul mercato soluzioni tecnologiche in grado di sostituire un intero reparto finance di una media azienda con un costo di poche migliaia di euro all’anno. E senza contributi Inps. Il secondo: è vero che gli occupati sono aumentati negli ultimi quarant’anni – come rilevano Luca Ricolfi per esempio e molti altri – , ma nei dieci anni precedenti al 2017 sono rimasti stabili e il dato significativo in realtà è quello sul numero di ore lavorate totali, che sono diminuite del 5%, come rileva tra gli altri la CGIA. Quindi in sostanza abbiamo progressivamente sostituito gli occupati full time con occupati part time, come ha fotografato anche l’ISTAT pochi giorni fa. Non si può trascurare questo elemento, se vogliamo affrontare il tema con serietà e senza pregiudizi ideologici e, a mio parere, andrebbe fatto.
Niccolò Andreula vede nelle soft skills, nel reshoring e nelle politiche fiscali europee le chiavi per affrontare questa sfida e su questo sono d’accordo, ma non credo che siano sufficienti per un intervento strutturale che vada alla radice del problema. Sul reskilling (suggerisco questa lettura a chi volesse approfondire), come sul reshoring, in effetti ci sono esempi di successo. Amazon per esempio ha dichiarato di aver formato oltre 16.000 magazzinieri in campi ad alta richiesta come infermieristica e meccanica aeronautica, coprendo il 95% della spesa. Ma sono eccezioni e avvengono in un contesto in cui tutto questo è ancora sostenibile. Nel caso di Amazon tra l’altro oltre che sostenibile è fondamentale in un’ottica di reputation aziendale. Ma quante aziende potranno permettersi oppure – questo è il nodo – vorranno offrire in futuro opportunità di questo tipo ai propri dipendenti divenuti inutili?
Bisogna prendere consapevolezza del fatto che il primo nemico della difesa dei posti di lavoro umani è proprio la spinta alla competitività, nel momento in cui questa non si basa più sull’incremento della forza lavoro, ma sull’adozione di tecnologia che ha sempre meno necessità dell’intervento umano. E sempre meno ne avrà in futuro.
Non me ne abbiano Luigi Marattin e Luciano Capone, ma devo ammettere che nel nostro studio sul futuro del lavoro probabilmente siamo stati ottimisti. Forse non avremo nemmeno lo spazio di una generazione per ripensare completamente e dalle fondamenta il nostro sistema economico e, soprattutto, quello della formazione che è fondamentale.
Se la prospettiva per i prossimi 10 anni può essere positiva, in termini di occupazione e aumento della produttività, sono i successivi 15 quelli che dobbiamo considerare davvero. E bisogna farlo oggi, adesso, implementando strumenti capaci di evolversi con l’evoluzione delle necessità sociali, ripensando al sistema formativo, al sistema fiscale, tassando la produttività più del lavoro umano, come tra gli altri suggerisce lo stesso Marco Bentivogli che con i lavoratori ha a che fare tutti i giorni più di chiunque altro abbia commentato il video.
C’è molto da fare e bisogna farlo adesso. Non possiamo lasciare che le nostre imprese si trovino costrette a scegliere tra sopravvivenza e forza-lavoro, dobbiamo creare fin da ora le condizioni perché possano prosperare e questa prosperità vada a vantaggio di tutti, in modo equo. Non dobbiamo lasciare soli i lavoratori, ma nemmeno le imprese. La vera sfida è questa.
di Davide Casaleggio
font.blogdellestelle

Leggi anche: 2054: la fine del Lavoro come lo conosciamo

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (23) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 76

 
Il futuro del lavoro. Un dibattito fondamentale per il nostro Paese
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
lunedì 04 febbraio 2019



Sono contento che in molti abbiano voluto intervenire in un dibattito come quello sul futuro del lavoro (che poi coincide per larga parte con il futuro della società) che è obiettivamente difficile. Ringrazio quindi anche coloro che non sono d’accordo sul merito e sul metodo della ricerca, perché spero che contribuiscano più di altri a stimolare la nascita di un pensiero critico e costruttivo su un tema che, purtroppo, non è pura speculazione. Non è un caso se proprio l’impatto dell’iperproduttività delle tecnologie esponenziali sia stato uno dei temi centrali di discussione nel recente incontro a Davos.
Penso che dobbiamo affrontare questo argomento senza pregiudizi ideologici. Quindi, rispetto per esempio alle obiezioni di Massimo Famularo sul Fatto Quotidiano mi sento di rassicurare tutti che non è mia intenzione promuovere o giustificare l’intervento statale nell’economia. Anzi, come imprenditore, credo che la competitività su un mercato libero, sebbene regolamentato, sia la prima leva della produttività. Il nocciolo della questione, però, è proprio qui: la competitività.
La corsa delle aziende oggi è su questo fronte: contenere i costi, velocizzare e ottimizzare i processi per essere più competitivi sul mercato globale. Quindi, se è vero che l’evoluzione tecnologica non avviene in modo lineare, come giustamente hanno rilevato Stefano Quintarelli e Luciano Floridi (tra l’altro bisogna riconoscere l’impegno di Open per il fact checking sui dati riportati nel video), dobbiamo considerare che non avviene in modo lineare nemmeno l’adozione delle nuove tecnologie. Se fino a ora sono state riservate a pochi grandi e grandissimi operatori sul mercato – pensiamo ad Amazon per esempio – nel giro di pochi anni diverranno accessibili a molte più imprese e il numero crescerà in modo esponenziale. Gli imprenditori italiani sanno bene quale impatto può rappresentare l’intelligenza artificiale per le loro aziende, come ha ben spiegato recentemente anche Edoardo Narduzzi.
Se in Europa e in Italia fatichiamo a parlare esplicitamente dell’impatto che questo fenomeno avrà necessariamente sull’occupazione, in altri luoghi dove la cultura sindacale e il tema della dignità del lavoratore sono molto meno radicati, l’argomento viene affrontato senza reticenze. Giusto per citare un paio di esempi: Terry Gou, presidente della taiwanese Foxconn ha dichiarato pubblicamente che sostituirà l’80% della forza lavoro con sistemi automatizzati in 5 o massimo 10 anni; Richard Liu, fondatore della società di e-commerce cinese JD.com, ha dichiarato che spera un giorno di riuscire ad automatizzare al 100% la sua azienda.
Come potranno le nostre imprese competere su scala globale se non stando al passo con il resto del mondo ed evolvendosi nel segno dell’automazione?
Alle obiezioni di Domenico De Masi rispondo, per esempio, con uno studio dell’OECD, che fotografa una situazione abbastanza precisa sull’impatto che l’automazione e l’intelligenza artificiale avranno nei prossimi anni sull’occupazione: 210 milioni di posti di lavoro a rischio nei 32 paesi considerati nello studio. Ma di fonti che è possibile consultare per farsi un’idea dello scenario che ci attende ce ne sono ormai numerose, per esempio lo studio di Redwood Software e Sapio Research oppure quello di PWC.
L’Intelligenza Artificiale creerà posti di lavoro? Nel breve periodo è possibile, ma sul medio e lungo termine il saldo sarà pesantemente negativo. Pietro Ichino rileva giustamente che nell’ultimo quarantennio di forte sviluppo dell’automazione la forza-lavoro italiana è aumentata da 19 a 22 milioni, ma non considera due fattori chiave. Il primo: l’evoluzione tecnologica che si prospetta nei prossimi 5-10 anni è esponenzialmente più veloce di quella avvenuta negli ultimi 40. Non è paragonabile in alcun modo e questo dovrebbe tenerlo presente anche Michele Boldrin nei suoi ragionamenti. Basti pensare che esistono già oggi sul mercato soluzioni tecnologiche in grado di sostituire un intero reparto finance di una media azienda con un costo di poche migliaia di euro all’anno. E senza contributi Inps. Il secondo: è vero che gli occupati sono aumentati negli ultimi quarant’anni – come rilevano Luca Ricolfi per esempio e molti altri – , ma nei dieci anni precedenti al 2017 sono rimasti stabili e il dato significativo in realtà è quello sul numero di ore lavorate totali, che sono diminuite del 5%, come rileva tra gli altri la CGIA. Quindi in sostanza abbiamo progressivamente sostituito gli occupati full time con occupati part time, come ha fotografato anche l’ISTAT pochi giorni fa. Non si può trascurare questo elemento, se vogliamo affrontare il tema con serietà e senza pregiudizi ideologici e, a mio parere, andrebbe fatto.
Niccolò Andreula vede nelle soft skills, nel reshoring e nelle politiche fiscali europee le chiavi per affrontare questa sfida e su questo sono d’accordo, ma non credo che siano sufficienti per un intervento strutturale che vada alla radice del problema. Sul reskilling (suggerisco questa lettura a chi volesse approfondire), come sul reshoring, in effetti ci sono esempi di successo. Amazon per esempio ha dichiarato di aver formato oltre 16.000 magazzinieri in campi ad alta richiesta come infermieristica e meccanica aeronautica, coprendo il 95% della spesa. Ma sono eccezioni e avvengono in un contesto in cui tutto questo è ancora sostenibile. Nel caso di Amazon tra l’altro oltre che sostenibile è fondamentale in un’ottica di reputation aziendale. Ma quante aziende potranno permettersi oppure – questo è il nodo – vorranno offrire in futuro opportunità di questo tipo ai propri dipendenti divenuti inutili?
Bisogna prendere consapevolezza del fatto che il primo nemico della difesa dei posti di lavoro umani è proprio la spinta alla competitività, nel momento in cui questa non si basa più sull’incremento della forza lavoro, ma sull’adozione di tecnologia che ha sempre meno necessità dell’intervento umano. E sempre meno ne avrà in futuro.
Non me ne abbiano Luigi Marattin e Luciano Capone, ma devo ammettere che nel nostro studio sul futuro del lavoro probabilmente siamo stati ottimisti. Forse non avremo nemmeno lo spazio di una generazione per ripensare completamente e dalle fondamenta il nostro sistema economico e, soprattutto, quello della formazione che è fondamentale.
Se la prospettiva per i prossimi 10 anni può essere positiva, in termini di occupazione e aumento della produttività, sono i successivi 15 quelli che dobbiamo considerare davvero. E bisogna farlo oggi, adesso, implementando strumenti capaci di evolversi con l’evoluzione delle necessità sociali, ripensando al sistema formativo, al sistema fiscale, tassando la produttività più del lavoro umano, come tra gli altri suggerisce lo stesso Marco Bentivogli che con i lavoratori ha a che fare tutti i giorni più di chiunque altro abbia commentato il video.
C’è molto da fare e bisogna farlo adesso. Non possiamo lasciare che le nostre imprese si trovino costrette a scegliere tra sopravvivenza e forza-lavoro, dobbiamo creare fin da ora le condizioni perché possano prosperare e questa prosperità vada a vantaggio di tutti, in modo equo. Non dobbiamo lasciare soli i lavoratori, ma nemmeno le imprese. La vera sfida è questa.
di Davide Casaleggio
font.blogdellestelle

Leggi anche: 2054: la fine del Lavoro come lo conosciamo

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (22) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 64

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 33 - 36 di 731





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |