banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
dietrologo1.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Erotismo a temperature polari
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
mercoledì 17 gennaio 2018




Non amo partire per un viaggio pensando che ne scriverò poi qualcosa. Non mi piace sentirmi addosso la pressione di un’allerta preventiva, voglio poter mantenere uno sguardo rilassato da appoggiare con cautela su ciò che mi circonda… che poi, spesso, mi induce ad approfondire la curiosità del primo impatto, a trarne delle riflessioni. E anche questa volta è stato così, nonostante le giornate buie e fredde oltre il circolo artico, nonostante i tempi stretti e le distrazioni.
Passeggio a casaccio dentro l’Arktikum, centro scientifico e museo, ricco ma un po’ confuso, per la natura e la storia nordica, con sede a Rovaniemi. E’ quasi mezzogiorno, ma il cielo fuori è plumbeo, c’è poca luce e qualche fiocco di neve si attacca leggero al soffitto a vetri, che si stiracchia in prospettiva verso un bianco orizzonte. Si intuisce che l’allestimento punti a essere una proposta moderna per cittadini e turisti e in parte l’obiettivo può dirsi raggiunto, anche se l’ambientazione etnografica, le installazioni interattive un po’ ingenue e le stanze scure e pesanti rendono la struttura concettualmente un po’ cupa. C’è però una sala che, passandoci quasi per caso, cattura inaspettatamente la mia attenzione. Davanti all’entrata campeggia un cartello che recita più o meno: “attenzione, contenuti espliciti”, corredato da una divertente immagine che fa il verso a L’urlo di E. Munch.
Il messaggio in effetti è strano: siamo in un museo della scienza, che la comunicazione sia esplicita non dovrebbe essere scontato? Dall’interno si sentono risatine divertite di qualche adolescente che si intravede oltre la soglia. Entro, e appena lo faccio capisco che la premessa sull’uscio in effetti era necessaria. Qui al nord, si sa, gli imbarazzi hanno soglie che noi europei (e a maggior ragione se latini) non riusciamo a oltrepassare con nonchalance.
Dentro la stanza campeggiano sulle pareti gigantografie di accoppiamenti e atti sessuali di animali e di esseri umani, nonché riproduzioni, contenute in allusive voliere che però all’immaginazione lasciano ben poco spazio, di membri maschili da record (nel guinness i 52 cm del tricheco), per lo meno tra i mammiferi che possiedono il baculum (l’osso del pene). Per buona pace di molti competitivi che si stessero preoccupando… il baculum è assente negli uomini. La mostra si intitola “Erotismo artico. Sopravvivenza. Calore. Gioia”. Quando vedo questo titolo, che tra tutte le foto non è, diciamo, la prima cosa a farsi notare, comincio a dedicare un po’ di tempo anche alle didascalie di queste immagini, e la sensazione netta è una. Ci sono riflessioni sul sesso fatte e proposte talmente bene che forse solo in un museo del nord è possibile trovare, senza che risultino offensive per il pudore di alcuni e sgradevoli agli occhi di molti. Anzi, l’allestimento è tale per cui, con uno spirito tra il serio e l’ammiccante, sbatte sul tavolo uno dei problemi più gravi dei nostri giorni: quello dei cambiamenti climatici. E no, non sono fissata su questi temi tanto da creare collegamenti inesistenti, tranquilli. I collegamenti tra attività sessuali e sorti del Pianeta ci sono, sono scientifici e non hanno nulla a che fare con giornate tipo “The Annual Global Orgasm for World Peace”.
Insomma, su una parete di fumetti bilingui, tra giochi di parole e doppisensi, fauna e abitudini locali, classifiche cultural-sessuali e (auto)ironie che scavalcano le specie (“Wash me with your semen”, un esempio su tutti, è il titolo dedicato alla copiosa quantità di sperma necessario alla riproduzione delle balene), si scopre che la globalizzazione influenza pesantemente gli accoppiamenti degli abitanti del circolo polare artico. Il mondo diventa più piccolo per uomini e animali, ma non sempre è una buona notizia. Uno studio riportato anche da The Guardian, evidenzia per esempio come un’elevata concentrazione di policlorobifenili, più noti con la sigla PCB (una classe di composti organici considerati inquinanti persistenti, con tossicità in alcuni casi analoga a quella della diossina), renda il pene dell’orso polare sempre più fragile. L’uso dei PCB è vietato, ma queste sostanze si dissolvono così lentamente in natura da renderne la diffusione un pericolo subdolo per la sopravvivenza di alcuni abitanti delle regioni più fredde, verso le quali l’atmosfera ne trasporta le particelle.
Proseguo a leggere: la quantità di luce regola i ritmi riproduttivi dei mammiferi artici e nei cicli evolutivi la natura ha reso possibile la nascita dei cuccioli nel periodo più favorevole. Sono molti gli animali, volatili compresi, i cui ormoni vengono attivati dall’aumento della luce. Per le renne, ad esempio, il periodo del calore è determinato dalla melatonina, che viene secreta in maggiore quantità quando il buio si fa più severo; gli orsi, da parte loro, hanno ritardato lo sviluppo dell’embrione in modo tale da ottimizzare le tempistiche tra la fase del calore e quella della nascita. Insomma, gli abitanti delle regioni artiche si sono abituati ad approfittare di tutti i vantaggi delle giornate piene di luce dei mesi primaverili ed estivi. Un esempio eclatante è il Temmink’s Stint, un trampoliere che cova due volte durante ogni estate, dandosi il turno con la compagna in modo che entrambi possano approfittare della ricchezza di insetti dei mesi più caldi.
Mi fermo ancora un po’ in questa stanza, perché la cosa si fa interessante: di bollente non ci sono solo gli spiriti eccitati nella fase dell’accoppiamento, c’è anche la questione del surriscaldamento globale. Una delle vittime è il lemming, piccolo roditore artico noto per la bufala sui suicidi di massa, che ha però cose molto più gravi di cui preoccuparsi delle leggende che corrono sul suo conto. Una di queste, per esempio, è la condizione della neve. Insomma, quando le temperature aumentano, gli aspetti hot della vita del lemming si raffreddano. La loro riproduzione è un fatto sociale, ma risente pesantemente degli strati di ghiaccio che si formano sulla neve e sul terreno: un giorno con temperature relativamente alte seguito da un giorno con temperature molto fredde può causare l’interruzione delle attività riproduttive, portando perfino al collasso dell’intera popolazione.
Certo, ma a noi che ce ne importa dei lemming, che manco sappiamo forse come sono fatti? In effetti, l’impostazione di questa mostra è profondamente originale, e solo soffermandosi con attenzione sulle interconnessioni che scopre se ne coglie il significato. Che cade, ancora una volta, sotto una parola: biodiversità. Diversità della vita, che si sviluppa e cresce a ogni latitudine con le sue peculiarità, che garantisce il fragile equilibrio di cui facciamo parte e che ovunque chiede rispetto. Anche agli uomini le temperature artiche hanno richiesto di adattarsi nelle loro abitudini sessuali e riproduttive: dai giochi erotici come l’amaruujaq degli Inuit, che ne evidenzia gli stretti legami con il mondo degli animali, soprattutto con il lupo, alle usanze culturali, sociali e comunitarie, il sesso è questione, qui come ovunque - e ovunque in modo diverso -, di una sottile linea tra ciò che è appropriato e ciò che non lo è. Mi chiedo allora: è appropriato dedicare un’intera sala alle abitudini artiche riguardanti l’accoppiamento e la sessualità, per parlare anche di cambiamenti climatici e delle responsabilità dell’uomo nella catena della vita sulla Terra? Penso che la risposta ognuno possa trovarla dove e come crede, anche senza visitare questa inusuale sezione di un museo lappone. Io, uscendo da quella stanza e incontrando in entrata una famiglia con bambini al seguito, ho trovato con un sorriso dolceamaro la mia.
di Anna Molinari
font.unimondo.org

Anna Molinar
Giornalista pubblicista, laureata in Bioetica presso la Facoltà di Scienze Filosofiche di Bologna, ha frequentato a Roma la scuola di Scienze politiche internazionali, cooperazione e sviluppo di Focsiv e ha lavorato presso il Ministero dell’Interno - Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Consiglio Italiano per i Rifugiati. Dal 2011 cura per Fondazione Fontana Onlus e in provincia di Trento laboratori formativi e percorsi di sensibilizzazione rivolti a scuole e cittadinanza su temi a carattere sociale, con particolare attenzione a tutela ambientale, sovranità alimentare, stili di vita sostenibili ed educazione.


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (54) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 215

 
Costa Rica: 70 anni senza esercito
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
domenica 14 gennaio 2018





L'Italia spende circa 64 milioni di euro al giorno per le sue Forze armate. Pur comprendendo la necessità di avere servizi segreti efficienti, delle forze armate sempre più integrate a livello europeo e a servizio dei peace-keeping dell'Onu, vediamo il caso studio del Costa Rica; paese prospero e felice, al contrario dei suoi vicini.
Guatemala, Honduras e El Salvador, infatti, sono afflitti da povertà e violenza croniche. Sono fucine di rifugiati per gli Stati Uniti. Panama, data la sua posizione strategica, ha purtroppo acquisito il titolo indesiderato di “capitale mondiale per riciclaggio di denaro sporco e corruzione”. E tutti assieme, compreso il Nicaragua paralizzato da paura e violenza, affrontano ricorrenti sconvolgimenti politici.
Eppure, in mezzo a questo caos, il Costa Rica rimane un'isola di stabilità politica e prosperità economica. Il segreto del paese è che non ha nessun esercito permanente. Ha utilizzato i risparmi della spesa per la difesa per migliorare l'istruzione, l'assistenza sanitaria e una rete di sicurezza sociale durevole.
In questo 2018, il Costa Rica segna il suo 70° anniversario dall' abolizione delle sue Forze Armate: di cielo, di mare e di terra, per dirla con chi si affacciava a Piazza Venezia. S'è classificato lo scorso anno primo in America Latina e dodicesimo al mondo in felicità, secondo il World Happiness 2017. Per l' Happy Planet Index addirittura al primo posto al mondo. Questo paese tropicale, che ospita la più grande densità di specie al mondo, è orgoglioso delle sue politiche ecologicamente amichevoli che attraggono turisti nelle sue giungle lussureggianti. Gode anche di uno standard di vita doppio rispetto a quello di altre nazioni centroamericane, ad eccezione di Panama, che trae profitto dal Canale di Panama.
L'esperimento del Costa Rica senza militari iniziò nel 1948, quando il ministro della Difesa Edgar Cardona supportò l'idea dell'ex ministro dell'Interno Alvaro Ramos di spendere di più per istruzione e salute.
José Figueres, allora presidente provvisorio, presentò la proposta all'assemblea costituente, che l' approvò. Invece di una forza armata permanente l'assemblea creò una nuova forza di polizia civile per difendere la nazione soprattutto dalla microcriminalità. E' come se il governo italiano, tra le molte folli spese in ambito militare, decidesse di convertire i 13,5 miliardi per i bombardieri F35 in canadier e protezione civile a salvaguardia del suo paesaggio.
Ramos, 62 anni, disse che il cambiamento portò immediatamente a molti progressi per il Costa Rica, specialmente negli anni '50 e '60. Sue parole: "il tenore di vita degli ammalati, la società rurale salì, (e) costruimmo grandi ospedali, ma soprattutto, ci fu un massiccio incremento dell'istruzione".
Il Costa Rica, infatti, primeggia nella sanità e nell'istruzione primaria sia nella regione latinoamericana che caraibica. Ha il secondo tasso più basso di mortalità infantile dopo il Cile e un tasso di alfabetizzazione pari al 98%, secondo il rapporto sulla competitività globale 2016-17 del World Economic Forum.
Il paese fornisce anche assistenza sanitaria universale ai suoi cittadini e residenti permanenti, contrariamente agli USA che vorrebbero abolire l'Obamacare. L'Organizzazione Mondiale della Sanità classifica il Costa Rica come il miglior sistema sanitario in America Centrale e lo pone al 36° posto migliore al mondo.
Il paese del centroamerica ha una storia di sostegno presidenziale per la pace e la trasformazione nonviolenta dei conflitti. L'ex presidente e premio Nobel per la pace Oscar Arias, infatti, affermò che la negoziazione è il modo migliore per evitare lo scontro: "Le soluzioni militari ai conflitti dovrebbero essere l'ultima, l'ultima risorsa"; "qui, i conflitti sono risolti in un tavolo delle trattative". Arias, 77 anni, ricevette l'attenzione internazionale durante il suo primo mandato presidenziale nel 1986 per i suoi sforzi volti a porre fine alle principali guerre civili e alle rivoluzioni pro-comuniste in diversi paesi centroamericani.
Egli affermò che l'amministrazione Reagan era "ossessionata" negli anni '80 nel sostenere i Contras del Nicaragua, il gruppo ribelle di destra che si opponeva al governo socialista sandinista. Arias respinse l'opzione militare del presidente Ronald Reagan e ricevette il Nobel nel 1987 per aver guidato un piano di pace con i capi di stato dell'America centrale per concordare la cooperazione economica e una risoluzione pacifica di quel conflitto.
"In ogni trattativa ottieni quello che puoi, non quello che vuoi", disse Arias. "Abbiamo nelle nostre mani il futuro dei giovani centroamericani e non possiamo fallire". Arias criticò gli Stati Uniti per essere un paese che ama la guerra e risolve i suoi conflitti con la violenza.
Il Costa Rica rimane una nazione pacifica nonostante le continue violenze nei paesi vicini. Il confine tra Costa Rica e Panama divenne l'unica frontiera non militarizzata al mondo dopo che anche Panama seguì l'esempio del Costa Rica e convertì le sue Forze Armate nel 1989.
Dimenticavo. 64 milioni di euro al giorno spesi in Italia per le Forze Armate sono pari a 23 miliardi di euro all'anno, come ripete Unimondo da una ventina d'anni. Non dico l'abolizione, per il rispetto dei patti internazionali, ma il dimezzamento sarebbe un coraggioso programma politico.
di Fabio Pipinato
font.unimondo.org

Fabio Pipinato
Sono un fisioterapista laureato in scienze politiche. Ho cooperato in Rwanda e Kenya. Rientrato ho curato la segreteria organizzativa dell'Unip di Rovereto. Come primo direttore di Unimondo ho seguito la comunicazione della campagna Sdebitarsi e coniato il marchio “World Social Forum”. Già presidente di Mandacarù sono oggi presidente di Ipsia del trentino (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli) e CTA Trentino (Centro Turistico Acli) e nel direttivo di ATAS. Curo relazioni e piante.


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (52) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 289

 
Cambiamo il mondo un sacchetto alla volta..
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
mercoledì 10 gennaio 2018
.



L’Italia è stata trasportata in discarica e serve quanto prima un sacchetto. Possibilmente biodegradabile… Il cervello e l’intelligenza del gregge oramai sono un optional e un vero e proprio mistero. Viviamo in una dittatura oligarchica sfacciatamente manifesta, nella quale ci hanno svuotato e privato di ogni diritto, libertà e sovranità (monetaria, economica, politica, ecc.) e il popolino si preoccupa e si scandalizza per il sacchetto della spazzatura! Migliaia di persone su Facebook e nel web si stanno mobilitando per acquistare le zucchine senza sacchetto. Spedizioni punitive di consumatori furibondi entrano nei supermercati con la maschera di Anonymous per prendere in ostaggio le bilance pesa-verdura.
Ha ragione il grande Natalino Balasso quando dice che siamo un popolo da «rivoluzione polleggiate».
«Siamo i Pile Fighter: combattenti con la tuta di pile e le ciabatte a forma di Brunetta che si scandalizzano per le ingiustizie di X-Factor».
E’ come affogare in un oceano e preoccuparsi dello schizzetto di fango nella maglietta nike...
Abbiamo una gigantesca trave nel didietro e un anello al naso, ma il gregge si preoccupa di pesare singolarmente frutta e verdura per attaccare le etichette evitando così di pagare l’ingiusto balzello legato al sacchetto.
Alla fine tutti soddisfatti per il grande risultato ottenuto, lo postano con tanto di foto fatte magari con l’i-phone da 1000 euro. Ma ovviamente il problema non sono i centesimi rubati ma il principio.
Poco importa se poi la frutta e verdura senza sacchetto sono state coltivate con quintali di chimica cancerogena, teratogena e mutagena (Glifosato della Monsanto, la società che produceva l’Agente Orange usato nella Guerra del Vietnam).
La cosa importante è scardinare il Sistema NON pagando il sacchetto-balzello!
Una rivoluzione che rimarrà certamente nella storia, come pure i Robespierre con il guantino trasparente... Ma la trave fanno finta di non vederla!
L’oligarchia ha creato in Italia un debito che oggi sfiora i 2300 miliardi di euro. Per questo debito ci fanno pagare ogni anno 100 miliardi solo di interessi.
Negli ultimi 30 anni il popolo italiano ha pagato SOLO di interessi 3.101 miliardi di euro.
Debito che si potrebbe cancellare domani, se vivessimo in un paese sovrano, e invece viene mantenuto e alimentato tale condizione con il solo scopo di affossare l’economia nazionale per meglio mantenere il popolo in schiavitù.
Ma noi stiamo qui a disquisire e a perdere tempo su un sacchetto da 2 centesimi di euro.
L’Italia è stata fatta precipitare in posizione di coda tra i paesi europei in quanto a capacità produttiva.
Tanto per capirci, solo nel 2017 hanno chiuso la bellezza di 37.000 aziende in Italia.
Ovviamente hanno distrutto anche l’occupazione. L’ultimo scandaloso governo PD ha manipolato i dati facendola artatamente salire inserendo tutti quei cittadini pagati occasionalmente con i voucher o con i contratti da un mese.
La realtà è che sempre più gente è a casa. Ma al gregge va bene stare a casa in divano davanti al plasma in 3D da 50 pollici comperato per Natale.
Con la Buona Scuola hanno definitivamente sepolto la pubblica istruzione scolastica.
La scuola è programmata per sfornare idioti e cioè sudditi perfetti per il Sistema. I ragazzi finalmente potranno portarsi lo smartphone in classe e nessuno potrà aprire bocca (al limite i genitori potranno sempre chiudere con un pugno la bocca di quei professori che osano sequestrare l’I-phone X comperato appositamente per il proprio bambino).
La Buona Scuola impedisce al corpo insegnanti di bocciare un alunno delle medie e delle elementari, a meno che il piccolo criminale non incendi l’auto del preside, allora forse un 7 in condotta potrebbe anche scapparci. Forse però.
Da quest’anno sono stati introdotti (Torino è la città pilota) corsi per professori e alunni tenuti da «esperti» della potentissima associazione L.G.B.T. (lesbiche, gay, bisessuali e trans) che illumineranno su concetti importanti come libertà, emancipazione, sessualità ecc.
Ma al gregge non importa la qualità dell’istruzione perché quello che conta è permettere al proprio figliuolo di portarsi il cellulare in classe. Questa sì che è libertà!
Hanno fatto fallire i risparmi privati di oltre 200 mila persone regalando agli amichetti banchieri e imprenditori vari oltre 30 miliardi di euro dei cittadini paganti le tasse.
Ma il gregge si lamenta per la mancata qualificazione della nazionale di calcio. In fin dei conti lo sport è salute.
Con un decreto (privo di urgenza) scandaloso, classista, incostituzionale e poi trasformato da un Parlamento venduto nella legge 119/2017 hanno reso obbligatori ben 10 vaccini (più 4 fortemente consigliati).
Hanno di fatto regalato svariati miliardi di euro alle multinazionali dei farmaci e messo a repentaglio la salute di centinaia di migliaia di bambini italiani.
Il gregge invece si preoccupa che i lori figli non prendano il micidiale virus del morbillo dagli untori e per questo attaccano ferocemente tutti quei genitori che invece vogliono proteggere i bambini da una banda di criminali organizzati: l’Industria chimica.
E questa è solo una parte della trave…
Ma per fortuna il popolo italiano si sta risvegliando dal letargo e, rivoluzione dopo rivoluzione, riusciremo a scardinare l’oligarchia che ci sta schiavizzando da tempo.
La prossima grande svolta avverrà quando faranno pagare pure l’elastico che chiude il pan-biscotto...
font.disinformazione.it


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (57) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 275

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 29 - 32 di 649





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |