banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
exportimpgifnew.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Pesce fresco, frutta e gelati: la legge antispreco ha allargato il menù
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
lunedì 30 ottobre 2017
Il 14 settembre 2017 ha compiuto un anno la legge contro gli sprechi alimentari, tecnicamente la numero n. 166/2016 "Disposizioni concernenti la donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi". La legge è, per l’Italia, la vera eredità di Expo2015: dopo la legge le donazioni della GDO hanno segnato un +20%, ci sono realtà della GDO che hanno completato la copertura, cioè oggi raccolgono le eccedenze in tutti i loro ipermercati. Le donazioni di Coop Italia ad esempio corrispondono a 7 milioni pasti. Ma soprattutto nuovi settori hanno iniziato a recuperare e donare cibo. Ortofrutta, pane, pesce fresco, gelati, cibo cotto, buffet... conservare questi cibi è più complesso ma fanno fare un salto di qualità all'alimentazione delle persone che li ricevono. Maria Chiara Gadda, deputata, classe 1980, varesina, è stata la prima firmataria della legge e oggi racconta di un percorso che sta continuando, in linea con il lavoro che alla legge ha portato.
In che senso il suo lavoro continua, onorevole?



La legge nasce da un lavoro fatto con chi la deve utilizzare, in particolare con tutta la filiera e le associazioni di volontariato, strutturate nazionali ma anche realtà piccole. Sono tre anni di lavoro: uno per scrivere la legge, uno di lavori parlamentari, uno dopo, per spiegare i contenuti affinché possa essere utilizzata, girando l’Italia in lungo e in largo per spiegarne i punti di forza. Quali sono i punti di forza della legge?
Intanto vorrei chiarire la differenza rispetto alla legge francese: in Francia sono partiti dal concetto di “rifiuto”, mentre la nostra legge parte dal concetto di “eccedenza”. Parlare di eccedenza da recuperare è diverso intanto dal punto di vista culturale, poi perché coinvolge tutta la filiera e infine per ragioni organizzative. Noi parliamo di prodotti buoni, sani, sicuri da intercettare per fini di solidarietà sociale prima che diventino rifiuto e spreco. Questo significa strutturare una filiera del recupero che va dal campo al frigorifero di casa, passando la GDO.
Lavorare su tutta la filiera è più strategico ma anche più complesso…
Certo, ci sono elementi di complicazione, perché è diverso recuperare nell’ortofrutta o nella GDO. La cosa bella di questo anno però è proprio il fatto che si siano attivati molti progetti nuovi, soprattutto nei settori più complicati, ad esempio i cibi freschi, i freschissimi o quelli cotti, per cui è necessario mantenere la catena del freddo o del caldo. È una cosa che richiede un salto organizzativo anche per le associazioni di volontariato, perché la catena deve arrivare fino alla casa del consumatore finale. Le associazioni si sono “professionalizzate”, adesso spesso sono loro che vanno a recuperare il cibo, poche settimane fa ero a Venezia per la prima tappa di un tour che vede Federalimentare, Federdistribuzione, Unione Consumatori e Banco Alimentare in giro per l’Italia per spiegare la legge agli operatori, ad esempio ai commercianti dei piccoli punti vendita e ai cittadini. Questo però è un passo in avanti fondamentale: per una famiglia in difficoltà un conto è ricevere un pacco alimentare con i classici pasta, riso, legumi e scatolame, un altro è poter mettere in tavola frutta e verdura fresche, carne, pesce fresco. È questa la novità che si sta costruendo. L’altro elemento in crescita sono i market solidali - ormai sono un centinaio in Italia, praticamente ogni settimana mi invitano all’inaugurazione di un nuovo market solidale – e i ristoranti solidali: è un passo in più nel rispetto della dignità della persona, perché sappiamo che spesso oggi i nuovi poveri hanno difficoltà a palesare il bisogno e ad accedere ai servizi tradizionali. Avere un Terzo Settore strutturato che faccia da interfaccia con le persone in povertà è importante perché la legge non riguarda meramente la distribuzione di alimenti ma afferma che si risponde a un bisogno sociale, in questo caso quello alimentare, attraverso una relazione. Il fatto che ci sia un’associazione che con i suoi volontari entra nelle case, incontra le famiglie o che al market solidale accompagna a fare una spesa alimentare equilibrata, ad esempio spiegandoti che non puoi comprare solo patatine, è la vera misura di contrato alla povertà.
Dal punto di vista dei numeri, che risultati può citare la legge in questo anno?
L’Italia conosce da tempo la donazione, ma c’era bisogno di dargli slancio e soprattutto di avere una legge che desse un quadro omogeneo alle norme, mettendo insieme tutte le questioni legate alla donazione, da quelle igienico-sanitarie a quelle responsabilità civile, per chiarire quando si ferma quella di chi dona e inizia quella di chi riceve la donazione. La confusione non aiuta, perché nel dubbio non dono: se invece so esattamente qual è la mia responsabilità, cosa posso donare e cosa no, la donazione diventa più plausibile. Oggi donare è più conveniente che buttare. La GDO è la realtà più abituata a misurare e in questo anno, dopo la legge, loro hanno registrato un +20% nelle donazioni di prodotti. I grandi numeri per il momento sono qui, ma credo davvero che possiamo aspettarci molto dai nuovi progetti che si stanno avviando là dove il recupero delle eccedenze è più complesso e quindi si faceva meno: all'Ortomercato di Verona e Napoli ci sono progetti per il recupero di prodotti ortofrutticoli, l’emporio solidale di Lecce ha recuperato addirittura gelati, stanno partendo esperienze nel banqueting, per matrimoni, buffet, banchetti, dove i prodotti sono molto difficili da recuperare perché sono già stati a temperatura ambiente per diverse ore ma al contempo sono di altissima qualità, Banco Alimentare ha fatto un accordo con i medici delle Asl, per controllare la filiera. In Italia abbiamo avuto poi il primo caso al mondo di donazione da parte di una nave da crociera, la Diadema di Costa crociere: finora il cibo recuperato nel porto di Savona è destinato a una casa famiglia di Varazze, ma ho appena saputo che il progetto verrà portato anche nel porto di Civitavecchia e in quello di Barcellona. Un altro caso da citare è l’accordo tra il distretto di pesca di Mazara del Vallo e Banco Alimentare per recuperare il pescato sequestrato, che finora andava distrutto: dopo una prima sperimentazione ora c'è un accordo con tutti i distretti della pesca della Sicilia, per favorire azioni di recupero e distribuzione delle eccedenze lungo tutta la filiera del pescato. Oppure il pane, uno dei prodotti alimentari che si butta di più, in alcune regioni si poteva donare e in altre no: nella legge si dice che pane e prodotti finiti possono essere donati entro 24 ore dalla produzione, non più nel giorno della produzione, perché ad esempio un grande supermercato che chiude alle 22, magari ha sfornato il pane alle 19 ma non è detto nel paese ci sia un’associazione strutturata per ritirare il pane alle 22… Questo ha permesso in molte realtà di superare gli ostacoli esistenti alla donazione del pane. Le ricerche dei vari Osservatori però ci dicono che lo spreco avviene per la metà nelle case dei consumatori finali. In questo senso la legge ha dato risultati?
La legge agevola la donazione, rendendola più chiara e meno burocratica, ma allo stesso tempo è ovvio che serve lavorare su noi stessi. Io credo che nessuno sprechi cibo perché decide di sprecare, lo facciamo perché non c’è un’educazione o una formazione giusta. Ad esempio, quanti conoscono la differenza tra data di scadenza e termine minimo di conservazione di un prodotto? Quanti sanno che quando c’è scritto “da consumarsi preferibilmente entro” - vale per la pasta, il cioccolato, i biscotti, lo scatolame… - il prodotto dopo quella data non può più essere venduto ma può benissimo essere consumato, non va buttato? A quella data infatti il prodotto perde il suo valore commerciale, ma non altera le sue caratteristiche micorbiologiche, non è dannoso per la salute. La legge di conseguenza stabilisce che possono essere donati anche i prodotti che hanno superato il termine minimo di conservazione, prodotti buoni che prima venivano distrutti, ma è importante che anche il cittadino sia informato su questo. Lo stesso per le informazioni sulle modalità di conservazione dei cibi, perché spesso disponiamo male nel frigo i prodotti. Serve una legge nazionale per dirlo? Evidentemente sì.
La legge prevede la possibilità che i Comuni di ridurre le tasse sui rifiuti alle imprese che decidono di donare alimenti ai bisognosi. È accaduto?
Sì, in diverse decine di comuni. Alcuni molto piccoli ma anche città 80mila abitanti, negozi del piccolo commercio, primo è stato il Comne di San Stino di Livenza, in provincia di Venezia, ma lo hanno fatto ad esempio anche Varese ed Empoli. Diciamo che queste esperienze per il momento sono concentrate nel Nord e Centro Italia. Al Sud però c’è stato un vero boom di donazioni, è vero che si partiva da numeri molto più piccoli, però è il segno che questa legge serviva, ha mosso qualcosa, ha intercettato un bisogno e anche la voglia delle aziende di fare la loro parte. Un altro effetto bello della legge sono le tantissime aziende che hanno iniziato ad associare la donazione alle politiche aziendali e quindi a presentare un bilancio sociale, raccontando le iniziative che hanno un senso per il territorio in modo che il cittadino possa esercitare la sua capacitò di scelta.
Festeggiato il primo compleanno, ora che obiettivi si dà?
Intanto quello di far crescere i semi piantati. Da questa legge sono nate tante cose, pensi ad esempio alle grandi donazioni che capita di ricevere dall’ortofrutta… Quando una piccola associazione del territorio riceve bancali e bancali di fragole, è difficile che sia in grado di distribuirle tutte agli indigenti, perché magari opera su un territorio piccolo. In questo anno sono nati anche bellissimi progetti legati alla trasformazione dei beni alimentari donati, ad esempio l’associazione “Non solo pane” di Varese ha iniziato anche a trasformare in modo industriale i prodotti: una parte va nei pacchi alimentari e con una parte fanno marmellate e conserve, utilizzando le donazioni e i prodotti di un progetto di orto sociale avviato con la legge 166, che è diventata un’opportunità di lavoro per richiedenti asilo e per alcune persone indigenti. Oppure penso alle app nate per mettere in connessione il negoziante con il cittadino… Dal punto di vista legislativo sto lavorando per fare passi in avanti ulteriori, perché la legge si occupa di beni alimentari e farmaceutici, ma le associazioni hanno bisogno anche di prodotti per l’igiene della persona, garze, cerotti, materiale scolastico… mi piacerebbe estendere la legge anche ad altri prodotti e inserire ulteriori agevolazioni fiscali. Sara De Carli
font, Vita.it/unimondo.org


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (14) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 56

 
A Parma in progetto 11 chilometri di verde per fare da filtro all’autostrada
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
lunedì 23 ottobre 2017
La svolta verde di Parma viene dall’impresa. Saranno undici i chilometri di «bosco» che nasceranno per coprire il lato sud dell’autostrada A1. Una barriera, tra la striscia di asfalto e la città. Ventiduemila nuovi alberi e arbusti faranno da filtro allo smog prodotto dai circa 80 mila veicoli (20 mila camion e 60 mila auto) che quotidianamente transitano sul tratto autostradale. Il progetto di “riforestazione urbana” è soprannominato Kilometro verde. E prende spunto dal Kilometro rosso, il polo tecnologico di Bergamo che da quasi dodici anni accoglie alcune tra le aziende più innovative dell’Italia.
Al lavoro dal 2016
Il nastro verde è stato ideato nel 2016. E subito è seguita la fase di progettazione, un vero e proprio masterplan da presentare a tutti i possibili partner. Istituzionali, come il Comune e la Provincia, privati e aziende. Il Kilometro verde - proprio scritto con la K - si colloca, infatti, all’interno di una zona altamente antropizzata, “abitato” da un’alta concentrazione di imprese produttive e di grandi multinazionali. Grandi società come Barilla, Chiesi, Sviluppi Immobiliari Parmensi e Fiere di Parma, che si alternano a proprietà private con diverse destinazioni d’uso, agricolo o abitativo. Decine di player che stanno trovando un punto d’accordo: durante il primo incontro, che si è tenuto a giugno scorso, alcuni proprietari si sono dichiarati pronti ad aderire al progetto e investire per realizzarlo nel 2018.
La progettazione
«Un lavoro di pianificazione ambientale - sottolinea Alberto Giuntoli, paesaggista dello Studio Bellesi Giuntoli e professore incaricato dell’università di Firenze che ha realizzato il masterplan - lungo quasi un anno. Ero stato chiamato per “disegnare” la zona dell’azienda prospicente all’autostrada. Da lì è nata l’idea degli 11 chilometri di verde. Troppo spesso si progettano le infrastrutture senza tenere conto del paesaggio questo è un intervento di ricucitura di un territorio rimasto sospeso tra città e campagna. Sfrutteremo le fasce di rispetto, con una ampiezza da poche decine di metri a quasi cento, per creare un bellissimo parco che auspichiamo potrà venir utilizzato anche per una rete ciclopedonale aperta a tutti. Dipendenti delle aziende coinvolte compresi». Sostegno dal basso...
Se le adesioni dovessero essere tutte confermate, già l’anno prossimo i metri lineari piantumati sarebbero circa milleduecento. A seguire, e in alcuni casi dopo il reperimento dei fondi grazie a sponsorizzazioni e raccolta fondi, rispettando i ritmi della natura, verranno coperti tutti gli altri. L’iniziativa, che vuole arginare un problema che ha costi sociali elevati, ha raccolto l’appoggio, tra gli altri, di Franco Maria Ricci (79 anni), il noto editore e intellettuale tornato nel territorio di Parma per realizzare il Labirinto della Masone a Fontanellato (Pr). L’edificio, che ospita anche la collezione privata dell’editore, è una costruzione sostenibile. Sono stati infatti piantati molti bambù che costituiscono la cortina verde a protezione della sua preziosa raccolta.
... e da quello accademico



«Essere sostenibili oggi richiede la capacità di crescere rispettando le risorse del nostro pianeta - spiega uno dei promotori dell’iniziativa Davide Bollati (51 anni), presidente dell’azienda di cosmetica Davines - le persone e il loro benessere, la biodiversità del territorio intorno a noi e la sua bellezza. Ogni nostra azione deve permettere di poter migliorare il proprio stato di salute. Il Kilometro Verde è una iniziativa di sviluppo sostenibile che cerca di dare una risposta concreta a tante questioni ambientali e “buon vivere”». Secondo alcuni studi sostenuti dalla Commissione europea sull’intera Europa l’opera di filtraggio dell’aria degli alberi previene 7 miliardi di euro di costi sanitari . Oltre a migliorare sensibilmente il benessere di chi vive: negli Stati Uniti, per esempio, è stato calcolato che abitare in un isolato con almeno dieci alberi fa sentire di sette anni più giovani e ben più abbienti, come se il proprio reddito annuo fosse superiore di 10 mila dollari.
Simone Fanti da Corriere.it/unimondo.org.


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (14) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 64

 
È la fine del carbone?
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
lunedì 23 ottobre 2017




La Cina ha un suolo particolarmente ricco di carbone la cui estrazione, che copre il 40% della produzione mondiale, è concentrata nelle miniere delle regioni dello Shanxi. Se è vero che attraverso il carbone la Cina soddisfa oggi il 64% della domanda di energia dei suoi oltre 1,385 miliardi di cittadini, Pechino è ormai consapevole dei danni provocati dall’estrazione e dalla combustione di questo materiale fossile e la scorsa estate ha avviato un piano quinquennale per portare al di sotto del 58% la percentuale di carbone nel consumo di energia primaria e per alzare sopra il 15% quella di energie rinnovabili. È previsto, infatti, il taglio della capacità produttiva dell'industria carbonifera per circa 800 milioni di tonnellate in cinque anni attraverso la chiusura definitiva delle miniere in via di esaurimento e un contemporaneo aumento dell’utilizzo dell’energia eolica da 129 GW a più di 210 GW, di quella solare da 43 GW a più di 110 GW e di quella idrica da 320 GW a 380 GW.
Anche se a ben vedere il piano, diffuso dall’agenzia ufficiale Xinhua, punta più ad una razionalizzazione dell’industria del carbone, piuttosto che ad una più sostenibile svolta ecologica nei confronti di questo combustibile fossile, la scelta appare oggi economicamente più sostenibile che in passato vista l’attuale contrazione dei consumi energetici cinesi e va di pari passo con il rallentamento del Pil del gigante asiatico. Che si tratti di calcolo economico o di svolta green, i buoni risultati dal punto di vista ecologico non tarderanno ad arrivare ed è pensabile che nel 2020 la Cina brucerà “solo” 4,1 miliardi di tonnellate di carbone l'anno, con un incremento modesto rispetto ai 3,96 miliardi di tonnellate dello scorso anno, quando la città di Taiyuan, principale centro per la produzione del carbone è stata dichiarata la più inquinata della Cina e tra le prime 10 città più inquinate al mondo. Per questo la capitale dello Shanxi il 1 ottobre ha messo al bando la vendita, il trasporto e l’uso del carbone per ridurre l’altissimo inquinamento e aumentare le speranze di vita dei suoi cittadini, che lo scorso anno hanno prodotto il 24,3% della produzione nazionale di carbone facendo toccare alla città dei livelli insostenibili di anidride solforosa (SO2) nell’aria.
Così, anche se il bando dell'uso di carbone sarà applicato a individui e compagnie rigorosamente non statali e che producono acciaio e energia, la limitazione prevede l’estrazione di 2 milioni di tonnellate in meno di carbone all'anno, che ridurranno del 45% il PM2,5 e la SO2 nell’aria abbattendo del 40% le giornate all’anno classificate ad alto impatto inquinante. Per ottenere questo risultato la città, che conta circa 4,2 milioni di abitanti, si è impegnata a rinnovare gli impianti di riscaldamento per 134.000 famiglie nelle zone urbane e rurali, cambiando stufe e cucine a carbone con strumenti elettrici o a gas naturale. Una trasformazione che sia a livello locale che nazionale per Xu Shaoshi, presidente della Commissione nazionale per le riforme e lo sviluppo economico sarà supportata dall’investimento di 100 miliardi di yuan a sostegno delle autorità locali e le industrie che subiranno gravi perdite finanziare. Il governo, ha sottolineato Xu, porterà avanti queste riforme nel settore energetico "senza intaccare le previsioni di crescita nazionale del Pil che rimarranno pari al 6,5% fino al 2020".
Quello che sta accadendo in Cina a Taiyuan ricorda, anche se con proporzioni minori, la decisione annunciata dal Comune di Assisi che è diventato il primo ente locale in Italia ad esprimere l’intenzione di disinvestire dalle fonti fossili e reinvestire in energie rinnovabili all’interno del proprio territorio, nel quadro di un più ampio impegno di riduzione delle emissioni di gas serra attraverso la sottoscrizione del Patto dei Sindaci per il clima e l’energia. “La Città di Assisi aderisce al programma di disinvestimento delle fonti fossili promosso in Italia dalla Campagna #DivestItaly, e lo fa attraverso un atto ancora più ampio che è l’adesione al Patto dei Sindaci” ha dichiarato la sindaca Stefania Proietti. “Si tratta di un programma a livello europeo a cui aderiscono oltre 7.000 città d’Europa, che prevede la riduzione delle emissioni di CO2 del 40% entro il 2030. In pratica la Città di Assisi si impegna a ridurre del 40% tutte le emissioni di CO2 determinate dai sistemi edificio-impianto-trasporto pubblici, ma anche privati. È quindi implicito in questa riduzione significativa delle emissioni di CO2 su tutto il territorio comunale il disinvestimento in fonti fossili e l’investimento invece in energie alternative, attraverso nuove strategie di sviluppo sostenibile integrate con le fonti rinnovabili”.
Per Riccardo Rossella, coordinatore della campagna #DivestItaly per Italian Climate Network “quello dell’amministrazione di Assisi rappresenta il primo caso in Italia di impegno da parte di un comune e si configura quindi come un importante riferimento per quanti, tra enti locali e altri tipi di investitori, intendano contribuire a vincere la sfida della transizione energetica attraverso un’azione concreta che punta a risolvere il problema delle emissioni di gas serra alla sua radice”. Anche se in Italia non abbiamo l’impatto ambientale che ha il carbone in Cina, continuare ad investire in combustibili fossili appare anche nel contesto del Belpaese sempre più un’idea anacronistica, per questo “ci auguriamo che l’esempio tracciato dal Comune di Assisi venga seguito da un numero crescente di realtà nel nostro Paese” ha detto Rossella. La decisione della Città di Assisi giunge quasi contemporaneamente all’annuncio congiunto di disinvestimento anche da parte 40 organizzazioni cattoliche provenienti da 11 paesi in tutti i continenti, fatto il 4 ottobre dal Global Catholic Climate Movement. Le diverse istituzioni, hanno espresso il proprio impegno a disinvestire dall’industria delle fonti fossili "tanto sulla base del riconoscimento degli impatti che l’utilizzo di tali fonti hanno sul Creato, quanto in un’ottica di lungimiranza economica volta ad abbandonare o escludere investimenti che stanno diventando sempre più rischiosi".
di Alessandro Graziadei
font.unimondo.org


Alessandro Graziadei
Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (18) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 76

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 17 - 20 di 620





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV




MATTEO SALVINI FIGURA DI MERDA PARLAMENTO EUROPEO


MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


iLIKE.TV ........................................





UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Atene


Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides

Londra
Alternate Text

vivere di sola frutta

FIGURE DI MERDA


PALAS Civitanova Marche





curl 'https://hddn01.skylinewebcams.com/031504094AUK-1504113703928.ts' \ -XGET \ -H 'Referer: https://www.skylinewebcams.com/it/webcam/espana/comunidad-de-madrid/madrid/puerta-del-sol.html' \ -H 'Origin: https://www.skylinewebcams.com' \ -H 'Accept: */*' \ -H 'User-Agent: Mozilla/5.0 (Macintosh; Intel Mac OS X 10_12_6) AppleWebKit/603.3.8 (KHTML, like Gecko) Version/10.1.2 Safari/603.3.8'
<
  | Top |