VIGNETTE !!!!!
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
Dall'Italia e dal mondo


888 PERSONAL SHOPPER
COME NASCE L'IDEA



Un gruppo di ragazzi e qualche birra fresca, dopo una giornata a visitare alcuni dei negozi più cool d’Europa. Creiamo un vero e proprio calendario degli sconti in giro per il mondo! “Best brands@best boutiques”. Organizzare veri e propri viaggi nei periodi migliori per fare acquisti dei brand che preferiamo e contemporaneamente visitare e rivisitare città. Il lato più positivo è che questa idea ci permette anche di aiutare boutique, profumerie, parrucchieri, ristoratori, albergatori e tutti gli altri operatori commerciali, a fare sistema creando una rete che si aiuta e si sostiene vicendevolmente Provate a pensare: nel periodo di sconto della boutique, anche hotel, ristoranti, parrucchieri, profumerie e tutti quelli potenzialmente coinvolti attivano promozioni dedicate a visitatori specifici, quelli che hanno visitato la boutique. Visitare una città completamente in saldo in un dato periodo sarebbe un’occasione che attirerebbe persone da tutto il mondo, senza ombra di dubbio. “Noi vogliamo dare il nostro contributo affinchè tutto questo si possa realizzare



Chi è il personal shopper?

Il personal shopper è una moderna figura professionale una sorta di consulente personale di shopping. E' anche un consulente d'immagine che da indicazioni concrete sia per un cambio di look totale quanto per migliorare il proprio stile o apparenza
Accompagna i propri clienti nello shopping fornendo consigli su cosa comprare e dove, per realizzare lo stile che meglio rispecchia i desideri e le necessità del cliente.
cerca di raccogliere il maggior numero di informazioni possibile, per delineare lo stile di vita del cliente, i suoi obbiettivi personali e professionali e quindi l’immagine che vuole dare di se.
L'abito non fa il monaco ma nel mondo di oggi, spesso, le persone si fermano alla prima impressione, che è quella che conta. seguici su www.888ps.it





Nasce l'inno dei medici contro il virus

Un video musicale per raccomandare ai cittadini di restare a casa. È quello realizzato dalla Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche (Fism) suonato e cantato da medici specialisti e rilanciato sui social della Fism e del Ministero della Salute. Pur impegnati in un momento così difficile, un gruppo di medici da tutta Italia ha voluto trovare il tempo, tra un turno e l'altro, per prendere gli strumenti in mano e rilanciare l'invito ai cittadini a restare a casa. Il testo è stato scritto appositamente per loro dal maestro Giulio Rapetti Mogol che ha rivisto le parole originarie de “Il mio canto libero”, il classico della canzone italiana scritto con Lucio Battisti. È così nata l'idea di interpretare la canzone, ovviamente a distanza, mettendo a valore le capacità musicali di tanti professionisti delle corsie di tutta Italia per sottolineare come il difficile lavoro negli ospedali debba essere sostenuto dall'impegno di tutti. Ne è nato un vero e proprio inno che, pur nella fatica, non abbandona la speranza. Come recita il testo “adesso resta a casa, esci solo a far la spesa… domani un nuovo giorno sarà”.



Un gruppo di 30 sanitari albanesi è arrivato in Italia. Le parole del premier albanese: "Noi non siamo ricchi ma neanche privi di memoria, non abbandoniamo mai gli amici in difficoltà. Questa è una guerra che non si vince da soli.
i



Domenico Bini

il momento

sta andando tutto male

O SIGNORE






La strana creatura è stata filmata in un villaggio di Miao nel Kunming, nella Cina Meridionale. Si tratta di una mutazione genetica oppure di tanta suggestione?
IL RETAIL E I TREND NELL'ERA COVID
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
lunedì 01 febbraio 2021



La ristrutturazione della rete sarà uno dei temi strategici del prossimo futuro per i retail. Bisogna consentire ai clienti la scoperta dei prodotti perché più della metà dei giovani cerca gli articoli sui social network prima dell'acquisto e il tasso di conversione è molto più elevato per i clienti che hanno interagito con i prodotti consigliati.
La vendita online sta vivendo una fase evolutiva con oltre il 70% dei consumatori che vuole un’esperienza personalizzata. Per quelli che fino ad ora sono rimasti ai margini dell’e-commerce, questa rappresenta l’occasione per cogliere le opportunità della vendita online.
Un altro dato interessante riguarda lo smart working con quasi un terzo delle persone a reddito elevato che si sono spostate dalle grandi città e quasi la metà di quelli che cercano casa che si stanno orientando verso soluzioni fuori dalle metropoli, sarà un cambio epocale che avrà effetti sulla vita di tutti.
Seguici e iscriviti su 888 Personal Shopper

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (18) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 26

 
Il Governo revoca l’export di bombe verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
domenica 31 gennaio 2021


Clicca qui per guardare gli aggiornamenti GEDI VISUAL sul Coronavirus in Italia e nel mondo





Foto: Rete Italiana Pace e Disarmo



Fermate definitivamente forniture autorizzate negli ultimi anni e relative ad ordigni utilizzati nella guerra sanguinosa dello Yemen. Le licenze erano state rilasciate dopo l’inizio del conflitto. Cancellato dal Governo con una decisione storica e grazie alla pressione della società civile l’invio di oltre 12.700 bombe. Il nostro esperto Giorgio Beretta è stato tra i primi, fin dal 2015, a dare notizia su Unimondo.org delle esportazioni di bombe italiane ai sauditi utilizzate per i bombardamenti in Yemen. E a dare notizia della maxi-commessa autorizzata nel 2016 dal governo Renzi per 19.675 bombe del valore di €411 milioni che è stata finalmente revocata.
Con un atto di portata storica – che avviene per la prima volta nei 30 anni dall’entrata in vigore della Legge 185 del 1990 sull’export di armi – il Governo Conte ha deciso di revocare, non solo sospendere, le autorizzazioni in corso per l’esportazione di missili e bombe d’aereo verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Continua inoltre a rimanere in vigore anche la sospensione della concessione di nuove licenze per i medesimi materiali e Paesi.
Secondo quanto appreso dalla Rete Italiana Pace e Disarmo il provvedimento riguarda almeno 6 diverse autorizzazioni già sospese con decisione presa a luglio 2019 tra le quali la licenza MAE 45560 decisa verso l’Arabia Saudita nel 2016 durante il Governo Renzi (relativa a quasi 20mila bombe aeree della serie MK per un valore di oltre 411 milioni di euro). Secondo le elaborazioni di Rete Pace Disarmo e Opal la revoca decisa dall’Esecutivo per questa sola licenza andrà a cancellare la fornitura di oltre 12.700 ordigni.
Le nostre organizzazioni Amnesty International Italia, Comitato Riconversione RWM per la pace ed il lavoro sostenibile, Fondazione Finanza Etica, Medici Senza Frontiere, Movimento dei Focolari, Oxfam Italia, Rete Italiana Pace e Disarmo, Save the Children Italia insieme ai partner internazionali European Center for Constitutional and Human Rights e Mwatana for Human Rights esprimono grande soddisfazione per questo risultato, da loro fortemente richiesto, che diventa operativo in queste ore.
Una decisione che pone fine – una volta per tutte – alla possibilità che migliaia di ordigni fabbricati in Italia possano colpire strutture civili, causare vittime tra la popolazione o possano contribuire a peggiorare la già grave situazione umanitaria nel Paese. Un atto che, soprattutto, permette all’Italia di essere più autorevole sul piano diplomatico nella richiesta di una soluzione politica al conflitto.
Un sincero ringraziamento è dovuto ai membri del Parlamento ed in particolare della Commissione Esteri della Camera che hanno dedicato attenzione a questo tema, proponendo ed approvando un’importante Risoluzione nel dicembre 2020 che ha impegnato in primo luogo l’esecutivo a prorogare la sospensione all’export di armamenti verso i due Paesi della Penisola arabica. Esprimiamo inoltre soddisfazione per la rapidità e la fermezza con cui il Governo ha dato seguito a questo atto di indirizzo, orientandosi non solo verso la proroga della sospensione disposta nel luglio 2019 ma revocando anche le precedenti licenze come proposto dall’atto parlamentare.
Ringraziamo anche i numerosi sostenitori che ci hanno accompagnato e sostenuto nelle varie campagne di sensibilizzazione e attività di comunicazione su questo tema. La rilevanza che la questione della guerra in Yemen ha avuto e continua ad avere nell’opinione pubblica è stata uno stimolo ed un pungolo per i decisori politici. È fondamentale continuare a lavorare congiuntamente per mantenere alta l’attenzione e allargare la sospensione a tutte le categorie di armamento e verso tutti i membri della coalizione a guida saudita, proposta prospettata dalla stessa Risoluzione parlamentare del dicembre 2020.
Un rapporto del Gruppo di esperti delle Nazioni Unite consegnato al Consiglio di Sicurezza nel gennaio del 2017 ha dichiarato che i bombardamenti della coalizione a guida saudita “possono costituire crimini di guerra”. Tra gli ordigni ritrovati dai ricercatori dell’Onu figurano anche le bombe prodotte dalla RWM Italia. Lo stesso Parlamento Europeo a settembre 2020 ha approvato ad ampia maggioranza una Risoluzione che condannando le azioni di Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti invita il Vicepresidente/Alto rappresentante ad “avviare un processo finalizzato ad un embargo dell’UE sulle armi” verso gli stessi Paesi.
La decisione del Governo di revoca di queste licenze conferma dunque la necessità di indagare sulla responsabilità penale di UAMA e RWM Italia nelle esportazioni di bombe della serie MK durante il periodo del conflitto, come denunciato alla magistratura da alcune delle nostre organizzazioni ora in attesa di una decisione del GIP in merito al proseguimento dell’indagine.
Lo stop all’invio di missili e bombe d’aereo verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti non può da solo far cessare la guerra in Yemen ed alleviare le sofferenze di una popolazione stremata da conflitto, carestia e malattie, ma costituisce un passo necessario a creare le precondizioni per la Pace. In tal senso le nostre organizzazioni ricordano anche al Governo italiano la necessità di proseguire il sostegno all’azione umanitaria coordinata dalle Nazioni Unite confermando ed aumentando il contributo finanziario dell’Italia al Piano di risposta umanitario ONU. font.unimondo.org/ Rete Italiana Pace e Disarmo

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (14) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 29

 
888 Personal Shopper for fashion victims only???
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
giovedì 21 gennaio 2021



Lo stilista Oscar de la Renta per primo identifica i soggetti che seguono, in modo passivo e acritico, qualunque dettame della moda con il neologismo "Fashion victim" (in italiano vittima della moda) Fashion victim…che buffa combinazione di parole! Se per definizione una vittima è chi subisce una sopraffazione, chi è danneggiato da una situazione, forse stiamo usando questo termine sorvolando volutamente sulla sua sfumatura negativa. Quando facciamo shopping, siamo noi a metterci a servizio della moda o è la moda a produrre beni e servizi per accontentare la nostra domanda? Se compriamo per il gusto di farlo, perché ci piace, usando il nostro gusto e i nostri mezzi, perchè definirci vittime? Siamo noi a compiere l’azione o la stiamo subendo? Se noi non ci fossimo, neppure la moda esisterebbe e se non ci fosse per noi sarebbe una noia mortale! La moda è nata per alleviare la vita, per migliorarla. Nessuna vittima, nessun carnefice e un buon compromesso: mai abusarne, mai farne a meno!
Seguici su 888 Personal Shopper


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (16) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 27

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 863





BESTBRANDS@BESTBOUTIQUES......................................................



Perchè un calendario degli sconti bestbrands@bestboutiques ?


Forse perchè ti offre l'occasione di acquistare quel capo che hai sempre sognato !
Forse perchè ti offre l'occasione di visitare una nuova città e conoscere
gente nuova !
Forse perchè mettendosi insieme commercianti e artigiani possono combattere questa battaglia con la speranza di vincere !
Forse perche se non c'era bisognava inventarlo !
Iscriviti su 888 Personal Shopper
#888personalshopper #bestbrands #bestboutiques #future




Forse è la soluzione giusta
Un calendario degli sconti bestbrands@bestboutiques ?
Offre l'occasione di acquistare quel capo che hai sempre sognato !
Offre l'occasione di visitare una nuova città e conoscere gente nuova !
Offre a commercianti e artigiani la possibilità di combattere questa battaglia con la speranza di vincere !
Non c'era e bisognava inventarlo !
Iscriviti su 888 Personal Shopper
#888personalshopper #bestbrands #bestboutiques #future




Un calendario degli sconti bestbrands@bestboutiques Sarà la soluzione giusta🥰🥰🥰

Sarà l’occasione di acquistare i capi da sempre sognati spendendo cifre non da capogiro🙂🙂🙂

Sarà l’occasione di vedere nuove città e conoscere nuova gente visitando i musei, i monumenti e i migliori ristoranti😋😋😋

Sarà l’occasione per mettere insieme commercianti e artigiani sfruttando al meglio le loro sinergie😍😍😍


Iscriviti su 888 Personal Shopper
#888personalshopper #bestbrands #bestboutiques #future


888 Personal Shopper.........................................


Cambio di paradigma




Cosa succederebbe se le boutique di abbigliamento, accessori e fragranze unissero i loro sforzi inserendosi in un network e nel periodo dei loro sconti, accordandosi con hotel, b&b, ristoranti, musei, parrucchieri estetisti teatri cinema etc della loro zona, offrissero ai clienti da fuori regione e non solo, dei coupon di sconti legati agli acquisti fatti in boutique?
iscriviti su www.888ps.it


iscriviti e Seguici su 888 Personal Shopper




Il futuro del retail


In questi tempi il mondo fa i conti con una tragedia socioeconomica dalle proporzioni immani. Il problema sanitario lentamente rientrerà, ma inevitabilmente ci si interroga per capire come affrontare al meglio il dramma economico. Da questo punto di vista non è solamente necessario studiare provvedimenti per tamponare le perdite, ma anche progettare la ripresa. Una ripresa che però avverrà in un contesto profondamente diverso, di cui è necessario comprendere fin da ora le dinamiche per ideare strategie efficaci.

Seguici su 888 Personal Shopper



\n Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
INFORMAZIONE LIBERA

L'INVASIONE DEI MILITARI USA IN EUROPA, SPIEGATA MEGLIO - Manlio Dinucci - #Byoblu24


DIEGO FUSARO: Controinformazione. Cosa sta davvero accadendo? Carri armati, Ue, situazione economica


"Coronavirus: incomprensibile che vengano prese precauzioni diverse all'interno dell'UE" ► Michetti

  | Top |