VIGNETTE !!!!!
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
Dall'Italia e dal mondo

CONTE SALVERA' L'ITALIA O LA TRADIRA?




Intervista del Presidente Conte alla BBC




MES O NON MES

APPROVANO IL MES E RINALDI È FURIOSO



Giorgia Meloni: Governo umiliato all'Eurogruppo dice sì al MES!


Mes, Paragone: "Senza vergogna"




Nasce l'inno dei medici contro il virus

Un video musicale per raccomandare ai cittadini di restare a casa. È quello realizzato dalla Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche (Fism) suonato e cantato da medici specialisti e rilanciato sui social della Fism e del Ministero della Salute. Pur impegnati in un momento così difficile, un gruppo di medici da tutta Italia ha voluto trovare il tempo, tra un turno e l'altro, per prendere gli strumenti in mano e rilanciare l'invito ai cittadini a restare a casa. Il testo è stato scritto appositamente per loro dal maestro Giulio Rapetti Mogol che ha rivisto le parole originarie de “Il mio canto libero”, il classico della canzone italiana scritto con Lucio Battisti. È così nata l'idea di interpretare la canzone, ovviamente a distanza, mettendo a valore le capacità musicali di tanti professionisti delle corsie di tutta Italia per sottolineare come il difficile lavoro negli ospedali debba essere sostenuto dall'impegno di tutti. Ne è nato un vero e proprio inno che, pur nella fatica, non abbandona la speranza. Come recita il testo “adesso resta a casa, esci solo a far la spesa… domani un nuovo giorno sarà”.



Un gruppo di 30 sanitari albanesi è arrivato in Italia. Le parole del premier albanese: "Noi non siamo ricchi ma neanche privi di memoria, non abbandoniamo mai gli amici in difficoltà. Questa è una guerra che non si vince da soli.
i



ISPI Paolo Magri ci spiega






Maurizio Crozza e il monologo sul corona virus




Domenico Bini

il momento

sta andando tutto male

O SIGNORE




MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.
MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY






La strana creatura è stata filmata in un villaggio di Miao nel Kunming, nella Cina Meridionale. Si tratta di una mutazione genetica oppure di tanta suggestione?
Migrazioni: da dove iniziano i viaggi della morte PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
martedì 28 gennaio 2020


Diciotto gennaio. È sabato mattina e le strade di Dakar sono ingolfate di traffico. Dal taxi non so decidere se aprire i finestrini o no, patire il caldo pesante o respirare l'aria nera proveniente dall'auto che si trova davanti alla nostra. Opto per la sicurezza, anche perché il quartiere dove sono diretta è famoso per non essere uno dei più sicuri della capitale. Si tratta di Thiaroye sur Mer, banlieue povera e stanca, dove è quasi impossibile avere una ragione per recarvisi. Per arrivare a destinazione ascolto per un’ora abbondante le lamentele del taxista che, provando più volte a chiedermi se sono sposata, continua a trovare delle scuse per alzare la tariffa pattuita. Alla fine, per paura che mi scarichi lungo la strada, arriviamo a un compromesso e giungo a destinazione intera.
Tra un mercato improvvisato e cumuli di carbone abbandonati sotto il sole, una figura mi fa cenno con la mano. È Tidiane, direttore di una piccola associazione di nome Coflec, che si occupa di lotta all'emigrazione clandestina. Fa piacere vedere un viso familiare in mezzo a tanta povertà. Già, perché per quanto possa sembrare folcloristico un sito di periferia, con i bambini che corrono dappertutto e le donne vestite con i wax tradizionali, la povertà porta con se una costante sensazione di insicurezza e diffidenza. Quando entro a casa sua, sembra di essere in un altro mondo. Nell'aria c'è profumo di pollo fritto e una bella signora dal pancione sporgente mi accoglie con un bicchiere d'acqua fresca.
Ci sediamo nella sala per gli ospiti e dopo lunghi convenevoli “Salam aleikum - che la pace sia con te, Nanga def - come sta? E la famiglia? Stanno tutti bene?”, affrontiamo il motivo della visita. Tidiane, da vari anni ormai, dirige un centro dove organizza delle attività di sensibilizzazione e inserimento lavorativo per i giovani che si mettono in testa la malsana idea di partire clandestinamente verso l'Europa. “Fino a poco tempo fa da Thiaroye sur Mer partivano numerose piroghe cariche di migranti che cercavano di raggiungere le coste spagnole. In ogni famiglia di questo quartiere c'è qualcuno che è partito, che vive in Spagna o che, in Europa, non c’è mai arrivato”. La fondatrice stessa di Coflec, Madame Yay Bayam Diouf, ha pagato le conseguenze dell'emigrazione clandestina direttamente sulla sua pelle. Suo figlio ha provato la traversata ma non ce l'ha fatta.
Per dirigerci alla sede dell’associazione ci inoltriamo verso strade sabbiose e piene di rifiuti, agli angoli dei vicoli donne di tutte le età sbucciano quantità infinite di arachidi. Ogni tanto ci sorpassa un carretto trainato da un cavallo, diretto chissà dove.
La struttura dove Tidiane organizza le attività di prevenzione alla migrazione illegale è un edificio bianco, con una grande bouganville viola che nasconde l'insegna della struttura. “Quando riusciamo ad avere qualche fondo - spiega - attiviamo i nostri progetti, che sono pianificati e strutturati in modo tale da essere il più efficace possibile. Regolarmente facciamo delle interviste ai ragazzi della zona, registriamo i loro dati anagrafici e cerchiamo di capire cosa cercano, cosa manca alle loro vite, quali sono le loro aspirazioni, oltre al viaggio. In molti ci rispondono che vorrebbero imparare a usare un computer, diventare sarti, parrucchieri o, più banalmente, imparare a leggere e a scrivere. È da questa banca dati che, fondi permettendo, agiamo di conseguenza, organizzando atelier di formazione o attività di sensibilizzazione nelle scuole. Qua ci conosciamo tutti, quindi è facile mettersi in contatto con la gente, conosciamo gli imam (le guide religiose delle comunità islamiche) e quando abbiamo bisogno di convocare una riunione aperta alla cittadinanza basta rivolgersi a loro oppure organizzare un concerto nel centro del quartiere.”
La piccola associazione lavora cosi, un po' a singhiozzo, tra un progetto e l'altro. Ma senza mai demordere.
In Senegal il volontariato in quanto tale è un concetto che non per forza viene capito. “Già c’è poco lavoro e in più ti metti a lavorare per il prossimo, senza guadagnarci un soldo”. Anche per questo il gruppo di volontari che collabora con Coflec non sempre è preso sul serio dagli abitanti di Thiaroye, spiega Tidiane.
Quando chiedo a Mana, uno dei collaboratori del centro, come mai ha deciso di abbracciare la causa della lotta ai viaggi clandestini, mi spiega che la generazione che l’ha preceduto, quella dei suoi fratelli maggiori, è praticamente sparita da Thiaroye: “C’è stato un tempo in cui gli uomini se ne andavano via e io non voglio che lo stesso accada ai miei coetanei o, peggio, ai miei fratelli più piccoli”.
Dalle spiagge di questo sobborgo è molto facile partire, perchè a differenza della parte settentrionale di Dakar dove l’oceano è perennemente agitato, qua l’acqua è calma, ma la guardia costiera ha aumentato i controlli ed ora c’è troppa vigilanza per rischiare. Questo, chiaramente, non significa che il problema sia sparito, semplicemente non si parte più da qua. Quello che si continua a fare è organizzare gli spostamenti. Racconta Tidiane: “Ogni settimana c’è qualcuno che ti informa sui veicoli in partenza e i relativi costi. Puoi scegliere: attraverso il Mali, fino alla Libia, oppure direzione Mauritania o Gambia, dove ci si imbarca sugli zodiac, i tristemente famosi gommoni del mare. È veramente facile mettersi in contatto con i passeurs, basta un sms. Ad esempio, dietro casa mia, il signore che lavorava alla macelleria che hai visto sulla sinistra, ora organizza le tratte e ci guadagna molto di più . Il business del traffico di clandestini è molto fruttuoso e si trova sempre qualcuno disposto a condurre le imbarcazioni, soprattutto tra i senegalesi, che conoscono molto bene il mare”.
Rimane difficile capire come mai, considerato il rischio elevato legato al viaggio, ancora tante persone, uomini e donne, disoccupati e lavoratori, poveri e meno poveri, analfabeti come istruiti, abbiano questo obiettivo. “È un' idea che hanno in testa e non riesci a togliergliela in nessun modo. Per questo urge lavorare con i più piccoli, nelle scuole. È vero che in Europa c'è la crisi, è vero che per noi senegalesi è praticamente impossibile arrivare ad ottenere un permesso di soggiorno, ma alla maggior parte della gente queste notizie non arrivano. Non tutti sanno leggere, non tutti parlano il francese (in Senegal il tasso di alfabetizzazione si aggira attorno al 51% della popolazione adulta, dati UNESCO 2017), non tutti si informano e, anche se lo fanno, ci sono alcune notizie che non vogliono assimilare. In aggiunta, c’è da dire che siamo noi stessi senegalesi a fomentare questa voglia di partire. Chi ce la fa e approda in Europa, anche se ha vita dura, non lo farà mai vedere a chi è rimasto a casa. Non mostrerà mai che a stento arriva a fine mese. Ed è così che i nostri giovani si convincono che la felicità si trovi ad una ventina di chilometri dalle coste del Marocco”.
Illusioni, sogni, speranze e disinformazione. Queste le forze trainanti di un fenomeno inarrestabile.
“Quando faccio la formazione dico sempre che è normale voler partire, è importante viaggiare, perché è con le nuove esperienze che si impara. Soprattutto viaggiare per poi tornare, sfruttare le competenze che si possono imparare nei cosiddetti paesi sviluppati e portarle qua. Ma viaggiare in modo regolare. Il diritto al movimento è garantito dall'Art.13 della Dichiarazione universale dei diritti umani - Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato. Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel propriopaese. A mio parere lo Stato dovrebbe fare di più. Le ambasciate sono spesso corrotte e se non hai determinate conoscenze e un compenso a portata di mano, non otterrai mai un visto per l’Europa”, sostiene il direttore di Coflec. “A me non interessa andare in televisione, non mi importa comparire sulle pagine dei giornali e far vedere quanto siamo buoni e bravi. Io sto cercando i fondi per agire, per fare. La maggior parte delle ONG locali e straniere che ho incontrato finora si preoccupa di essere visibile, di apparire. Organizzano formazioni, seminari, conferenze stampa con le autorità e poi cosa fanno? Come possono pretendere di arrivare in contatto con la gente dalle loro belle strutture nei quartieri benestanti di Dakar? Lo sviluppo durevole è qualcosa che va promosso quotidianamente, non per lavoro. Io ho deciso di stare qua, così che tutti ci conoscano. Che sappiano dove siamo. C'è una parola in wolof, dieuf, che significa “azione”. Oggi, questa parola è il mio motto”.
Finita la visita al centro e la lunga chiacchierata, Tidiane mi congeda con queste parole: “I viaggiatori vanno rispettati, è con loro che si spostano le competenze. Per fortuna le cose, anche se lentamente, stanno cambiando. C’è sempre più gente che capisce che il futuro è in Africa e decide di restare o farvi ritorno, i cosiddetti migrants de retour. L’opinione internazionale continua a farci credere che noi africani siamo poveri, ma non è vero. Abbiamo una ricchezza incredibile, soprattutto in termini di risorse umane, anche se non ce ne rendiamo conto. Non ancora.”
di Lucia Michelini
font.unimondo.org

Lucia Michelini
Sono Lucia Michelini, originaria di Belluno, classe 1984. Dottoressa di ricerca in Ecologia, attualmente mi occupo di cooperazione allo sviluppo ed educazione. Sono convinta che la via per un mondo piu’ giusto e sano non possa che passare attraverso la tutela del nostro ambiente e la promozione dell’istruzione. Per questo cerco di documentarmi e documentare, dare un piccolo contributo per spiegare che di fatto siamo tutti nella stessa barca e ci conviene remare assieme. Tra gli strumenti che porto con me, penna e macchina fotografica, fedeli compagne di viaggio necessarie per catturare la preziosa diversità culturale che ancora si puo’ percepire andando alla scoperta del mondo. Ah si’, non mangio animali da dieci anni e questo mi ha permesso di dimezzare il mio impatto ambientale e risparmiare parecchie vite.
Aggiungi ai preferiti (32) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 145

Lascia il primo commento!
Commenti RSS

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

 
< Prec.   Pros. >





CORONAVIRUS......................................................
Coronavirus, Conte furioso con Salvini e Meloni: ''Mes non approvato la scorsa notte ma nel 2012''

Durissimo attacco del presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Matteo Salvini e Giorgia Meloni, per le critiche in merito all'accordo raggiunto dall'Eurogruppo nella serata di giovedì. "Il Mes non è stato istituito ieri, non è stato attivato la scorsa notte come falsamente e irresponsabilmente dichiarato da, devo fare nomi e cognomi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni - ha detto Conte -. Non è così. Questo governo non lavora con il favore delle tenebre, parla in faccia agli italiani".



Chi se lo ricorda?




LUOGO COMUNE NEWS DELLA SETTIMANA (13-20 marzo 2020) Partecipano Giulietto Chiesa, Roberto Quaglia e Massimo Mazzucco


CORONAVIRUS: è stato il "pipistrello" Trasmesso su contro.tv



CoronaVirus

Coronavirus, una bellissima storia di eroismo
Vi racconto una storia bellissima, di cui tutti i giornali e le televisioni dovrebbero parlare. di Valeria Ciarambino ( Facilitatore del Team del Futuro - Area Sanità

Ieri mattina piuttosto presto mi arriva una chiamata mentre ero già impegnata in un’altra chiamata e dunque non faccio in tempo a rispondere. Poco dopo mi arriva un messaggio da un medico del pronto soccorso del Loreto mare, un ospedale glorioso ora svuotato per far posto ai contagiati da Covid e il Pronto Soccorso chiuso. Non riesco a credere a ciò che leggo: i medici del pronto soccorso chiuso, in un momento di così grave emergenza in cui i Pronto Soccorso sono al collasso e sulle ambulanze ci sono quasi ovunque solo infermieri, sono stati assegnati alla centrale operativa del 118, ovvero messi dietro una scrivania a rispondere al telefono. Una situazione stracomoda in un’emergenza drammatica come quella che viviamo, e senza alcun rischio. Eppure il medico che mi scrive mi implora di aiutare lui e i suoi colleghi perché possano tornare a lavorare anche GRATUITAMENTE in un qualunque Pronto Soccorso della Campania ad aiutare i loro colleghi. Ancora mi commuovo quando ne scrivo, non so chiamarli altrimenti se non eroi! Mi metto al telefono e chiamo immediatamente il direttore generale dell’Asl NA1 rappresentando l’assurdo di tenere dietro una scrivania e non in trincea degli emergentisti e manifestando la loro volontà di tornare subito sul campo. Il direttore comprende il valore della richiesta e in mezz’ora mi invia il provvedimento immediatamente esecutivo con cui i 3 medici vengono assegnati al Pronto Soccorso dell’ospedale San Paolo di Napoli, che da oggi ha 3 eroi in più a difendere le nostre vite. I giornali che scrivono di disertori, avessero il coraggio di mettere in prima pagina queste storie di eroismo. È questa la sanità campana, è soprattutto questa!
font.bolgdellestelle

Francesco Sole La Paura ai tempi del Coronavirus #lettera



Coronavirus detonatore di una crisi planetaria?

LEGGE MARZIALE col pretesto del CORONAVIRUS prima del CROLLO FINANZIARIO

Una lezione del corso di International Economics del professor Fabio Sdogati


Coronavirus 5G: LA DITTATURA SANITARIA E IL GRANDE FRATELLO di Luigi Baratiri




LA NUOVA FRONTIERA IL BARATTO..........................................



ARMADIO VERDE


\n Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

-->


Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
INFORMAZIONE LIBERA

L'INVASIONE DEI MILITARI USA IN EUROPA, SPIEGATA MEGLIO - Manlio Dinucci - #Byoblu24


DIEGO FUSARO: Controinformazione. Cosa sta davvero accadendo? Carri armati, Ue, situazione economica


"Coronavirus: incomprensibile che vengano prese precauzioni diverse all'interno dell'UE" ► Michetti

  | Top |