banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
farmacisti.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Cercasi Giusti in Europa PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
mercoledì 06 marzo 2019



Almeno 200mila persone hanno sfilato sabato scorso nel centro di Milano per la manifestazione antirazzista. Tra le anime di “People-prima le persone” alcuni volti celebri della politica, dello spettacolo e del giornalismo italiano ma soprattutto un mare di folla con bandiere della pace e cartelli che inneggiavano all’uguaglianza, al rispetto e ai diritti umani. Solo un mese prima, il 2 febbraio, con “L’Italia che resiste”, lunghe catene umane di cittadini e associazioni “autoconvocati in maniera spontanea” si erano strette attorno ai comuni di numerosi centri abitati in segno di protesta (e resistenza) contro le scelte disumane attivate col cosiddetto “decreto sicurezza” varato dal governo alla fine del novembre scorso.
Cosa questo abbia a che fare con oggi, Giornata europea dei giusti? Presto detto. A dispetto delle sparate da bar che negano un aumento del clima di odio in Italia, l’impennata di scritte razziste, della visibilità dei gruppi apertamente neo-fascisti e nazisti, la violenza verbale e fisica esercitata verso stranieri o “cittadini italiani non bianchi” giustificano la preoccupazione per l’odio dilagante espresso dalla città di Milano, così come da tante altre comunità negli ultimi mesi. La storia ci racconta quanto breve sia il passo tra la violenza verbale e quella fisica, eppur ben poco ci insegna a come porre fine a una escalation che di fatto trasforma episodi che sarebbero stati del tutto inaccettabili per l’opinione pubblica poco tempo fa in una situazione disdicevole ma meno grave. Che ci sia bisogno di nuovi “Giusti”? Certo, sempre. Perché in un mondo in cui le ingiustizie la fanno da padrone e razzismo-xenofobia-discriminazione tornano a essere espressi con orgoglio e a volto scoperto, la “banalità del Giusto” fatica a imporsi nel linguaggio pubblico.
È questa la ragione che ha indotto il Parlamento Europeo ad accogliere nel 2012 l’appello fatto da Gariwo-la foresta dei giusti, e sostenuto da migliaia di politici, intellettuali e cittadini europei, per l’indizione della “Giornata europea dei giusti”, ricordando coloro che si erano impegnati a soccorrere i perseguitati durante i genocidi e a difendere la dignità umana calpestata nei sistemi totalitari, qualsiasi esso sia, passato o presente. Il giorno non è stato scelto casualmente ma corrisponde alla data della scomparsa dell’artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski, ebreo superstite dell’Olocausto e ideatore del concetto dei “Giusti”, ossia di tutte quelle persone che hanno agito secondo coscienza anche rischiando la propria vita per realizzare tali ideali. Non occorre solo guardare alle vicende della Shoah; anche i recenti conflitti della ex Jugoslavia o del Ruanda raccontano molte di queste storie, e tante altre sono da scrivere. Storie di effettivo eroismo, di chi non ha accettato di restare indifferente ma si è esposto in prima persona. Recentemente la senatrice a vita Liliana Segre, anche lei testimone della Shoah, ha invocato il vaccino contro l’indifferenza spiegando che “nell'evocare la Shoah non scrivete violenza, razzismo, dittatura e altre parole ovvie, scrivete ‘indifferenza’: perché nei giorni in cui ci rastrellarono, più che la violenza delle SS e dei loro aguzzini fascisti, furono le finestre socchiuse del quartiere, i silenzi di chi avrebbe potuto gridare anziché origliare dalle porte, a ucciderci prima del campo di sterminio”. Una indifferenza generale oggi rivolta a quelle centinaia di migranti che muoiono nel mar Mediterraneo. “Oggi percepisco”, dice la Segre, “la stessa indifferenza per cui vorrei che tutti partecipassero con pietà e umana commozione al dramma di tanti bambini resi orfani e adulti perseguitati o cacciati di casa, ora come allora”.
Allora, oggi. Il parallelismo continua a essere sollevato. Ricordare i Giusti di decenni fa come di episodi più recenti non significa avere gli occhi rivolti al passato ma trasmettere un forte messaggio educativo alle nuove generazioni e tramandare i valori europei più alti, nonostante troppo spesso recentemente appaiono essere soffocati da interventi politici e di piazza che vanno in tutt’altra direzione. Eppure qualcosa si muove. La donna che lo scorso ottobre durante una manifestazione fascista “nostalgica” a Predappio in memoria della marcia su Roma indossò una maglietta con la scritta “Auschwitzland”, con tanto di immagine che imitava il logo del parco divertimenti di Disneyland, è stata condannata a pagare una multa da 9.050 euro dopo che era stata denunciata dall’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) per apologia del fascismo. Le molteplici reazioni succedute alla polemica sollevata dalle affermazioni di una consigliera provinciale leghista trentina in relazione all’“occupazione delle altalene” al parco da parte di bambini stranieri, con tanto di canzoni virali che hanno fatto il giro della rete per settimane, hanno fatto alzare lo sdegno dell’opinione pubblica.
Così come le diverse storie di uomini o di donne che su un mezzo di trasporto pubblico, sia esso treno o bus, alzano la voce in difesa di una persona di colore offesa o addirittura spintonata da altri passeggeri. Il fatto che questi episodi facciano notizia e attivino al contempo la fervente fantasia degli amanti dei complotti mediatizzati ci deve dare da pensare: è in un mondo dove verità e falsità sono messe ugualmente a disposizione dei tanti “tifosi” intenti a voler confermare le proprie certezze che c’è necessità di “Giusti”. Che c’è necessità di Persone. di Miriam Rossi
font.unimondo.org

Miriam Rossi
Miriam Rossi (Viterbo, 1981). Dottoressa di ricerca in Storia delle Relazioni e delle Organizzazioni Internazionali, è esperta di diritti umani, ONU e politica internazionale. Attualmente impegnata nel campo della cooperazione internazionale, è presidente della cooperativa EDU-care e collabora con altre realtà del Terzo Settore a livello di formazione, progettazione e comunicazione.



Aggiungi ai preferiti (5) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 12

Lascia il primo commento!
Commenti RSS

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

 
< Prec.   Pros. >





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |