banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
altan crisi.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Il governo di AMLO in Messico: cambiamento o continuità? PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
sabato 16 febbraio 2019



Nell’attuale panorama politico latinoamericano, sempre più virato a destra, l’elezione in Messico di Andrés Manuel López Obrador, detto AMLO, e l’insediamento del suo governo lo scorso 1 dicembre è apparsa a molti come una boccata di ossigeno. Oltretutto in un paese dove il monopolio del PRI (Partido Revolucionario Institucional) di centro-destra, è stato quasi assoluto (il PRI è stato al governo ininterrottamente dal 1929 al 2000, per tornarvi poi nel 2012 con il governo di Peña Nieto). Nelle elezioni dello scorso luglio il PRI ha però registrato il peggior risultato della sua storia, classificandosi solo come terzo partito a livello nazionale, mentre AMLO ha ottenuto più del 50 percento dei consensi.
Se da un lato vi è stato e vi è entusiasmo per l’elezione presidenziale di AMLO, leader di MORENA, partito di centro sinistra da lui stesso fondato, dall’altro vi è chi chiama alla cautela. È senza dubbio positivo che si venga a creare una rottura rispetto allo stradominio del PRI e alla grave situazione caratterizzata da violenza e narcotraffico, favorita da connivenze con lo Stato. Questo è uno dei fattori che ha senz’altro avuto un ruolo nel determinare l’ondata di entusiasmo seguita alle elezioni di luglio e tale entusiasmo pare aumentato anche dalla constatazione che la traiettoria del PRI mostra ormai chiari segnali di estrema debolezza. C’è anche però chi, come Gustavo Esteva, attivista e fondatore dell’Universidad de la Tierra di Oaxaca, all’indomani delle elezioni avvisava sui possibili rischi di smobilitazione dei movimenti sociali, con la delega delle istanze di cambiamento che passerebbero dalle piazze alle sedi istituzionali.
Le prime contraddizioni sono venute al pettine soprattutto per quanto riguarda questioni territoriali e ambientali. Se è vero che ancora prima di essere eletto, AMLO si è distinto per la celebrazione di consultazioni cittadine su grandi questioni che avrebbero avuto ricadute sui territori di vari stati, è anche vero che alcune istanze da lui portate avanti sono apparse in continuità con le politiche neoliberiste dei suoi predecessori. Varie organizzazioni ed esperti in temi ambientali hanno dato l’allerta soprattutto in merito a tre questioni: il cosiddetto tren maya, una grande opera ferroviaria che dovrebbe facilitare il transito di turisti in cinque stati, la ferrovia dell’istmo di Tehuantepec e la costruzione di una raffineria di petrolio nello stato di Tabasco, che ha dato i natali proprio all’attuale presidente. Un’altra misura controversa prevede la piantagione di un milione di ettari di alberi da frutto e forestali, in particolare nel sud est del paese (Oaxaca, Chiapas, Tabasco e Yucatan) che avrebbero conseguenze devastanti sull’ambiente e le coltivazioni autoctone.
Sebbene AMLO abbia avvertito che “non si distruggerà l’ambiente, non si inquineranno i terreni, l’acqua, l’aria: si perseguirá lo sviluppo sostenibile”, legittime perplessità sono sorte in merito a queste grandi opere. Il tren maya unirebbe cinque stati, Tabasco, Campeche, Chiapas, Yucatán e Quintana Roo, per un totale di 1.500 km di rete ferroviaria dedicata esplicitamente a dare impulso al turismo. La costruzione della rete inizierebbe nel 2020. È pur vero che è stata realizzata una consultazione nazionale che ha registrato un consenso schiacciante a favore alla realizzazione dell’opera, ma allo stesso tempo non si è provveduto a realizzare consultazioni con le comunità indigene sui cui territori passerebbe la ferrovia. Si tratta di una grave violazione del diritto alla consultazione previa, libera e informata sancito dalla Convenzione dell’ILO 169 sui diritti dei popoli indigeni e tribali. Va detto che alcune fonti governative hanno annunciato che la consultazione verrà presto realizzata, sebbene non vi siano evidenze definitive al riguardo. Il costo dell’opera sarebbe tra i 6,2 e i 7,8 miliardi di dollari, da finanziare grazie alle imposte sul turismo e all’iniziativa privata.
In Messico vi solo già almeno 200 conflitti comunitari contro megaprogetti, in difesa del territorio e delle risorse naturali, secondo quanto rilevato da María Fernanda Paz, studiosa della UNAM (Universidad Nacional Autónoma de México). Il 75% dei casi sono legati alla mercificazione dell’ambiente (acqua, vento, minerali, foreste) con fini estrattivi o di infrastruttura urbana, con conseguenti lotte delle comunità a causa dell’inquinamento dell’acqua, dell’aria e del suolo, della distruzione di ecosistemi, riserve naturali, coltivazioni o siti naturali sacri per le popolazioni.
La disputa è insomma sempre la stessa: quella tra politiche rispettose dei popoli originari e dell’ambiente e quelle neoliberiste basate sull’estrattivismo e sulla mercificazione di ogni aspetto della vita. Si tratta di un modello di sviluppo come appropriazione (indebita) di risorse naturali destinate a generare profitti che vanno a beneficio di pochi. Le comunità zapatiste del Chiapas, interessate direttamente dal passaggio del treno, si sono espresse a sfavore delle mosse del neopresidente, considerando le sue politiche in netta continuità con quelle dei suoi predecessori. La loro opinione è che non vi sia poi differenza tra il PRI, il PAN e MORENA, sempre di neoliberismo sulle spalle dei più deboli si tratta.
In occasione del venticinquesimo anniversario della sollevazione zapatista lo scorso 1 gennaio, il subcomandante Moisés ha affermato che “oggi, così come 25 anni fa, siamo soli”, sottolineando le divergenze rispetto al governo entrante. Moisés ha inoltre puntato il dito contro le previste mega-opere del neopresidente, scagliandosi in particolare contro il famigerato tren maya. Ha stigmatizzato anche un controverso rituale indigeno promosso dal governo e realizzato a Palenque, sede di un importante sito archeologico, dove, secondo Moisés, il presidente «È venuto a chiedere alla Madre Terra il permesso di distruggerla».
Le donne zapatiste hanno poi sottolineato il loro rifiuto verso le grandi opere in una lettera “alle donne che lottano nel mondo”. In un lungo scritto hanno allertato in merito all’impatto che l’aumentato flusso turistico avrebbe sulle loro comunità e hanno ribadito il loro secco rifiuto ad essere impiegate nel settore o, per dirla con le loro stesse parole, a “servire estranei per alcuni pesos. Non importa se i pesos sono molti o pochi, quello che conta è che la nostra dignità non ha prezzo”.
di Michela Giovannini
font.unimondo.org

Michela Giovannini
Dottoressa di ricerca in sviluppo locale, è appassionata di America Latina, popoli indigeni, autogestione, lotte e resistenze politiche e sociali. Ha trascorso periodi di studio e ricerca sul campo in vari paesi. Messico e Cile sono i principali contesti in cui si sono svolte le sue ricerche, dedicate principalmente a varie tipologie di organizzazioni dell'economia sociale e solidale.
Aggiungi ai preferiti (15) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 35

Lascia il primo commento!
Commenti RSS

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

 
< Prec.   Pros. >





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |