banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
vauro9.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Marco, Kim, Devi: noi, figli arrivati da lontano PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
lunedì 20 agosto 2018



Marco: a volte può esistere solo una famiglia, quella che ti cresce.
Marco non ha mai pensato agli occhi, alle mani, al sorriso, al corpo della donna che lo ha partorito 26 anni fa in Marocco e poi, dopo pochi mesi, lo ha lasciato in un istituto di Rabat, la capitale del Paese. «Non sono mai stato curioso», racconta. «I miei genitori sono sempre stati quelli che mi hanno voluto, accolto, amato. Ma sono molto grato a quella ragazza che mi ha messo al mondo. Poteva scegliere di non farmi nascere e invece, mentre mi abbandona- va, mi ha dato un’altra vita ancora: una possibilità che mi ha portato a Beatrice ed Ermes, mamma e papà».
Marco Salah Eddine Carretta, i nomi marocchini li hanno scelti le suore dell’istituto, ha impiegato «22 mesi per arrivare a casa, invece che i nove tradizionali», come gli piace sempre sottolineare. Ma ha iniziato a sentirsi veramente figlio quando è arrivata Giulia. «Mia sorella ha quattro anni meno di me», racconta. «È arrivata in un modo più tradizionale, è uscita dalla pancia della mamma», sorride, «e la ringrazio perché è lì che ho sciolto un nodo. I miei genitori potevano avere figli naturalmente, ma volevano proprio me. Sono partiti dalla provincia di Milano e arrivati fino in Marocco per portarmi a casa». Quella di Marco è una bella storia, a lieto fine. Dove l’abbandono lascia il passo a un amore che vive senza troppe domande e non si cruccia di “come sarebbe potuta andare se” ma è felice, invece, di com’è andata. «Se non fosse per il colore della mia pelle, così diverso da quella bianco latte dei miei genitori, non mi sarei mai potuto immaginare come figlio adottivo».
Ma sono anni che si confronta spesso con altri figli adottati, oggi adulti come lui. «Con la mia famiglia frequento ancora Aibi l’ente con cui sono stato adottato. Negli incontri a parlare erano sempre i genitori, gli operatori, così ho pensato “ma perché non far parlare i figli?”. È nato così Aibi giovani che poco alla volta ha creato piccoli gruppi regionali». Un momento per confrontarsi e raccontarsi. Anche se l’adozione è il punto comune, ogni storia è diversa. Come diverse sono le paure da affrontare: «Non ho mai visto l’adozione come “qualcosa che non doveva capitare”. Anzi, ogni giorno mi chiedo perché io sì e la maggior parte dei bambini no. E il senso di colpa non è facile da sopportare, ma parlarne aiuta».
Kim: per qualcuno riconoscersi resta un bisogno primario
Il primo giorno delle scuole medie Kim Soo-Bok Cimiaschi ha chiesto a sua madre: “Mi dai una maschera? Così mi nascondo la faccia”: non voleva far vedere i suoi occhi a mandorla. Anche se è un cittadino italiano ha convissuto, e convive tutt’ora, con la percezione che fuori dalle mura domestiche, gli altri italiani come lui lo scambino per “straniero”. Per questo lui la Corea del Sud non l’avrebbe mai lasciata. Ma quando è arrivato a Brescia nell’agosto del 1976 aveva solo 18 mesi: «Non potevo scegliere per me stesso», racconta. «Non so come sarebbe andata la mia vita se non fossi stato adottato. Ma oggi che ho 43 anni mi sento di dire che nessun bambino dovrebbe mai essere sradicato dal luogo dov’è nato. Se ti abbandonano i genitori, si devono cercare i nonni. Se non ci sono i nonni, gli zii. O i parenti prossimi. E se non c’è nessuno, il Paese d’origine, per me rimane comunque la miglior scelta possibile, e questo a prescindere dal rapporto, che può essere bellissimo, con i genitori adottivi».
Oggi Kim è vice presidente dell’Organizzazione di Adottivi Koreani Italiani. Ha fatto già quindici viaggi in Corea. Il primo nel 2009 quando aveva 34 anni insieme ad altri cento coreani adottati in tutto il mondo. Ha cercato i suoi genitori. «Non li ho trovati», racconta. «Ma mia moglie Laura, anche lei coreana d’origine e adottata in Italia, è riuscita a vedere la sua madre biologica. Io e lei ci siamo conosciuti durante gli incontri dell’organizzazione. Riconosciuti». Kim e sua moglie hanno due figli: «Hyemy e Yuna. In noi c’era una voglia inconscia di rispecchiamento. Vedere la prima persona che viene da te e ti assomiglia è una necessità primaria fortissima soprattutto se non hai mai potuto guardare negli occhi la persona che ti ha messo al mondo, perché è solo lì che puoi trovare il riconoscimento della tua esistenza».
Con la moglie ha fondato l’associazione Prisma Luce: «Ci rivolgiamo alle coppie, alle famiglie in difficoltà, guardiamo con particolare attenzione al panorama del post adozione». Kim si è chiesto spesso se ad essere quello sbagliato, la “mela marcia”, fosse lui. «”Perché mi hanno abbandonato? ”È una domanda che mi attanaglia. Perciò l’adozione è un percorso che dura tutta la vita e anche oltre con i nostri figli. Parlarne , affrontarlo insieme è l’unica soluzione».
Devi: il passato non si può cambiare, ma accettare sì
Devi Vettori è convinta che la mamma l’abbia abbandonata per fare in modo che dalla vita potesse avere qualcosa in più. Di lei ha scoperto che era una ragazza di 24 anni che chiedeva l’elemosina all’ingresso di un tempio del Tamil Nadu, stato federale dell’India. L’ha tenuta con lei 14 mesi. Poi l’ha portata in istituto. «Il mio padre biologico non è pervenuto», racconta. «Sarà andato via prima che io nascessi. Se mai ha saputo che sarebbe nata una figlia. Della mia madre biologica non ricordo niente. Di lei conservo il nome che mi ha dato, Devi. In India è la parte femminile del divino. Un nome che porta fortuna». Adottata a 22 mesi Devi è cresciuta a Firenze. A farle compagnia, dopo due anni, è arrivato un altro bimbo adottato dall’India. «Il mio primo fratellino», spiega. «Ma è morto dopo due anni per una malattia congenita incurabile. Poi dall’India è arrivato un secondo fratello. Era già grande, aveva 8 anni. A 16 si è ucciso. Diceva che somigliava alle persone che ai bordi delle strade lavavano i vetri delle macchine. Si era convinto che “quelli come lui”, così diceva, ai bordi delle strade erano destinati».
Anche Devi, che ha 34 anni, si è sentita per tanto tempo fuori posto. Poi le cose hanno iniziato ad incastrarsi. «Collaboro con il Ciai, l’ente con cui sono stata adottata», spiega. «Con loro abbiamo iniziato a fare un lavoro sui e con figli adottivi adulti. Abbiamo avviato dei laboratori di scrittura sulle nostre storie di adozione, e con me c’è sempre una terapeuta. Anche se siamo stati tutti adottati, le storie e le paure che escono dalle parole sono sempre diverse: dal senso di gratitudine per chi ci ha adottato al peso di lasciarli soli. Dalla rabbia per essere stati abbandonati al senso di colpa di es- sere stati adottati in mezzo a tanti. Incontrarci aiuta tanto».
Quando Devi a 29 anni è rimasta incinta di suo figlio Elia ha provato tanta tenerezza per la ragazza che l’ha partorita. «Ho capito che non si trattava più di attribuire colpe. La vita ci mette davanti delle scelte che vanno oltre quello che noi vorremmo: a volte una mamma vorrebbe tenere il bambino ma non può».
L’adozione è il punto comune: ma non siamo tutti uguali
L’adozione è un punto comune. Ma non rende tutti uguali. Marco la sua madre biologica non la vorrebbe incontrare, non è una sua priorità. «Non riesco a non pensare all’adozione come qualcosa di meraviglioso». Per Kim, che oggi sta studiando il coreano, «l’amore dei nuovi genitori purtroppo può non essere abbastanza». Devi è convinta che si possa trovare spazio per tutto. L’adozione per lei è l’ultima opzione da utilizzare, ma rimane sempre una risorsa. «Mio figlio Elia è pallido, di indiano ha molto poco. Non deve somigliare a me, ma a se stesso. Non c’è bisogno che io mi riveda in lui. Ma mi commuovo quando penso che nel suo dna c’è un’elica che viene dall’India».
da vita.it
font.unimondo.org.


Aggiungi ai preferiti (23) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 139

Lascia il primo commento!
Commenti RSS

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

 
< Prec.   Pros. >





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |