banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
exportimpgifnew.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Italia fine 2017. Fascisti, migranti e Istituzioni traballanti PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
giovedì 21 dicembre 2017
Il 2017 si chiude con alcune provocazioni di estrema destra e risposte confuse dalle Istituzioni. La prima, in ordine di tempo, fu a Como e vide l'irruzione di “Veneto Fronte Skinheads” in un’assemblea pubblica organizzata dagli aderenti alla rete “Como Senza Frontiere”, composta da associazioni e movimenti per l’accoglienza dei migranti. Le teste rasate entrarono, interruppero i lavori, lessero un comunicato e uscirono.



La seconda iniziativa attraversò tutta l'Italia a partire dal 4 novembre scorso per celebrare la vittoria della prima guerra mondiale. Una sorta di “marcia su Roma” per cui i camerati di Forza Nuova si diedero appuntamento in zona Eur della città (medaglia d'oro per l'antifascismo). Anche qui, a farla da padrone, è l’odio contro il migrante. Un comunicato di FN, infatti, recita: “C'è chi si vergogna di essere italiano e marcia per i "migranti" a cui vorrebbe regalare la cittadinanza, noi marciamo per gli italiani. Vi aspetto tutti il 4 novembre, la Patria risorge! Vergogna ai nemici della Patria”.
Ma il delirio non si confinò alla capitale ma si estese in diversi capoluoghi di provincia. Diversi striscioni furono infatti affissi, non casualmente, da Blocco studentesco (movimento giovanile di CasaPound) in tutta Italia. Le scritte contrapponevano il rifugiato di oggi con l'eroe di ieri riportando lo slogan: “celebra l'eroe e non il rifugiato”. Per eroe, si legge in un comunicato, si delineano figure diverse come Romolo, Cesare, Garibaldi, Mazzini e Mussolini.
Pensammo che tutto finisse lì, con le celebrazioni della prima guerra, ma così non fu. Uno striscione apparve a fine novembre ad Ascoli nei pressi dell’istituto tecnico commerciale per geometri Umberto I° del capoluogo marchigiano. Esso recitava: “Acli: l'accoglienza il vostro progetto? Chi scappa dalla guerra non merita rispetto".
Fu una sorta di spiegazione dello slogan apparso ad inizio mese nei capoluoghi che “celebra l'eroe e non il rifugiato” e delinea il “richiedente asilo” come una sorta di codardo disertore che scappa dai sacri doveri di “difesa della patria”. Bersaglio della protesta fu una conferenza sull'immigrazione promossa e tenuta dalle Acli. L’incontro, che si è regolarmente svolto all'interno dell'istituto è parte di un progetto interculturale realizzato dai giovani G.A. e dal coordinamento donne delle Acli in collaborazione con la Commissione pari opportunità della Regione Marche. La richiesta è comunque legittima – chiedere è lecito – ma è avvenuta (anche qui una svista istituzionale?) lo stesso giorno, 15 dicembre, che la Cassazione sdoganò il “saluto romano” per commemorare i defunti: da oggi non è più apologia di fascismo. A proposito di braccio teso, se è sdoganato nei funerali può essere sdoganato anche nei campi di calcio? Sembra proprio di si in quanto il giocatore Eugenio Maria Luppi è stato promosso di categoria il “day after” il saluto romano a Marzabotto, luogo che è stato teatro di una delle più cruente stragi compiute dai nazifascisti. E' in attesa di sentenza che avverrà dopo quella della Cassazione sui funerali.
Permetteteci un po’ d'imbarazzo da parte dell'Anpi. O no?
Ma se le Istituzioni centrali traballano sono, ancora una volta, i sindaci a tenere la barra a dritta condannando fascismo e antifascismo facinoroso. Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli di Modena davanti ai disordini avvenuti in città tra favorevoli e sfavorevoli lo Jus soli (ancora sui migranti) dichiarò: “Modena non merita e respinge le invasioni nazifasciste e non può nemmeno accettare le agitazioni provocatorie di gruppi che colgono ogni occasione e pretesto per dar sfogo alla loro voglia di protagonismo, fuori da ogni regola di pacifica e ordinata convivenza. Noi siamo in prima linea contro le risorgenze fasciste e naziste, ma la lotta al nazifascismo non si fa copiandone i metodi violenti. L'antifascismo – prosegue – non si fa combattendo le istituzioni democratiche che sono nate proprio dalla Resistenza e insultando e aggredendo i loro rappresentanti, in questo caso uomini e donne che fanno il loro dovere per la sicurezza e la libertà di tutti”.
di Fabio Pipinato
font.unimondo.org


Fabio Pipinato
Sono un fisioterapista laureato in scienze politiche. Ho cooperato in Rwanda e Kenya. Rientrato ho curato la segreteria organizzativa dell'Unip di Rovereto. Come primo direttore di Unimondo ho seguito la comunicazione della campagna Sdebitarsi e coniato il marchio “World Social Forum”. Già presidente di Mandacarù sono oggi presidente di Ipsia del trentino (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli) e CTA Trentino (Centro Turistico Acli) e nel direttivo di ATAS. Curo relazioni e piante.


Aggiungi ai preferiti (8) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 28

Lascia il primo commento!
Commenti RSS

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

 
< Prec.   Pros. >





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV




MATTEO SALVINI FIGURA DI MERDA PARLAMENTO EUROPEO


MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


iLIKE.TV ........................................





UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Atene


Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides

Londra
Alternate Text

vivere di sola frutta

FIGURE DI MERDA


PALAS Civitanova Marche





curl 'https://hddn01.skylinewebcams.com/031504094AUK-1504113703928.ts' \ -XGET \ -H 'Referer: https://www.skylinewebcams.com/it/webcam/espana/comunidad-de-madrid/madrid/puerta-del-sol.html' \ -H 'Origin: https://www.skylinewebcams.com' \ -H 'Accept: */*' \ -H 'User-Agent: Mozilla/5.0 (Macintosh; Intel Mac OS X 10_12_6) AppleWebKit/603.3.8 (KHTML, like Gecko) Version/10.1.2 Safari/603.3.8'
<
  | Top |