banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
video_tfr.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Chi ha aperto questa crisi ne pagherà le conseguenze
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
mercoledì 21 agosto 2019








Oggi Luigi di Maio ha incontrato i capi commissione del MoVimento 5 Stelle.
È stata fatta una ricognizione di tutte le proposte che si stavano per approvare prima della follia di Salvini di far saltare il Governo.
È incredibile quanta gente stesse per avere dei diritti e che ora, ancora una volta, rimarranno lettera morta.
Dai riders alle aziende in difficoltà, ai militari, alle persone che muoiono di inquinamento, agli operatori della cultura, ai bambini che fanno lezione nelle classi pollaio e in scuole fatiscenti, ai piccoli Comuni, ai pescatori che subiscono le quote europee e gli agricoltori che soffrono la contraffazione, ai lavoratori che hanno stipendi da due o tre euro all’ora.
Chi ha aperto questa crisi buttando tutto all’aria pagherà un caro prezzo, ne siamo certi!

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (3) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 4

 
C’è un’Italia da bonificare!
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
giovedì 08 agosto 2019



C’è un’Italia da bonificare!
Come ha ricordato l’Ispra il 7 maggio alla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, meglio conosciuta come “Commissione Ecomafie”, ventun anni fa il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare individuava i primi 15 Siti d’interesse nazionale (Sin) bisognosi di urgenti e onerose bonifiche perché inquinati al punto tale da comportare un elevato rischio sanitario per la popolazione. Da allora resta ancora da capire la portata delle contaminazioni, i processi di bonifica sono stati pochissimi, mentre i Sin sono diventati 41 e oggi interessano una superficie totale di 171.268 ettari di terra e di 77.733 ettari di mare principalmente in Lombardia, Piemonte, Toscana, Puglia e Sicilia. I dati riportati dall’Ispra in merito alle bonifiche effettivamente concluse sono sconfortanti: “sul totale della superficie terrestre dei Sin (esclusi 6 siti con caratteristiche peculiari) ad oggi la caratterizzazione di suoli e acque sotterranee è stata completata per oltre il 60% delle superfici. Ma gli interventi di bonifica o messa in sicurezza risultano approvati per il 12% dei suoli e il 17% delle acque sotterranee, mentre queste attività si sono concluse solo per il 15% dei suoli e il 12% delle acque sotterranee”.
Davanti a questi numeri, “emerge l’estrema lentezza, se non la stasi, delle procedure attinenti alla bonifica dei Sin”, ha spiegato la Commissione parlamentare d’inchiesta. Come mai? Per gli esperti dell’Ispra intervenuti in Commissione “le criticità nelle procedure relative ai Sin riguardano la natura dell’inquinamento con molti contaminanti, la questione delle proprietà dei siti (multiproprietà, passaggi di proprietà nel tempo, siti orfani), la frammentazione degli interventi effettuati e la perimetrazione delle aree. Altre criticità sono legate alla lunga durata degli interventi di bonifica, la proliferazione normativa, la difficoltà di digitalizzare e raccogliere le informazioni in database di coordinate geografiche completi”. Inoltre il principio secondo cui chi inquina paga è ancora troppo spesso impraticabile, poiché l’inquinamento, il più delle volte, è così datato che rintracciare il responsabile è difficile se non impossibile e fino ad oggi in quasi tutti i Sin, anche la “semplice” messa in sicurezza dell'area, che non equivale certo alla bonifica, è stata fatta a carico dello Stato. Eppure sciogliere queste criticità permetterebbe all’Italia non solo di restituire al Belpaese ampie fette di territorio inquinato, ma anche di intraprendere un importante percorso di sviluppo sostenibile con ricadute economiche e sociali importanti.
Secondo delle stime fornite da Confidustria già nel 2016 con il rapporto Dalla bonifica alla reindustrializzazione, "per concludere le bonifiche sarebbero necessari investimenti pari a circa 10 miliardi di euro, mentre finora lo Stato ha stanziato risorse nell’ordine di milioni di euro”. Senza dimenticare che sarebbe doveroso registrare tra gli industriali l’impegno economico di chi il danno ambientale lo ha causato, non di rado consapevolmente, Confindustria fa bene a ricordare come "investendo nelle bonifiche dei Sin il livello della produzione aumenterebbe innescando 200.000 posti di lavoro in più e l'esborso si ripagherebbe in gran parte da solo grazie a imposte dirette, indirette e maggiori contributi sociali per un valore di 4,7 miliardi di euro, oltre all’inestimabile valore di un ambiente finalmente sano". Un dato di per se fondamentale visto che per il programma di sorveglianza epidemiologica dei siti contaminati finanziato dal Ministero della Salute, che ha analizzato le ricadute sanitarie attorno a 45 aree contaminate di cui 38 d’interesse nazionale (Sin) e 7 riclassificate come Siti d’interesse regionale (Sir), ha fatto emergere dati allarmanti. Dal V rapporto Sentieri, presentato lo scorso il 6 giugno, emerge infatti che nel solo periodo 2006-2013 per l’insieme dei 45 siti esaminati sono stati stimati 5.267 decessi in eccesso negli uomini (+4%) e 6.725 nelle donne (+5%). Di questi, 3.375 sono stati i decessi per tumori maligni, negli uomini con un’incidenza del +3%, e 1.910 nelle donne con una incidenza del +2%.
Dati che fanno capire come la bonifica dei Sin e dei Sir sia una priorità sanitaria. "Prendendo in considerazione nella popolazione generale le patologie di interesse a priori, ed esaminando l’insieme dei 45 siti studiati, si osserva che gli eccessi più frequenti per i diversi esiti studiati sono relativi ai tumori maligni della pleura/mesoteliomi maligni, tumore maligno del polmone, malattie dell’apparato respiratorio, tumori maligni del colon retto e dello stomaco". Tali eccessi, variamente combinati per patologia, esito, genere, si osservano in 35 siti, le cui fonti di esposizione ambientale più ricorrenti sono rappresentate da impianti chimici, aree portuali, impianti petrolchimici e/o raffinerie, o contaminati da amianto. Che fare? In attesa delle bonifiche secondo gli esperti del Ministero è fondamentale informare del pericolo: “Occorre mettere in opera piani di comunicazione con la popolazione residente nei siti, fornendo indicazioni operative per evitare, o quanto meno mitigare, le circostanze di esposizione, e contribuire a rafforzare la rete di relazioni tra istituzioni e cittadini residenti, anche per quanto attiene ai processi decisionali che riguardano l’interconnessione ambiente e salute”.
Servirebbe quindi almeno attivarsi per informare i cittadini e poi concludere il prima possibile le bonifiche nei Sin e Sir che da decenni, nonostante la messa in sicurezza, hanno continuato ad inquinare. Un’urgenza che anche con il “Governo del cambiamento” è rimasta ferma al palo, a differenza purtroppo dell’incidenza dei tumori.
di Alessandro Graziadei
font.unimondo.org

Alessandro Graziadei
Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (12) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 22

 
Meno bottiglie di plastica per un futuro migliore #IoSonoPlasticFree
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
giovedì 08 agosto 2019



Nel tempo che impiegherete per leggere questo post, circa tre minuti, nel mondo, verranno comprati oltre tre milioni di bottiglie di plastica, nella maggior parte dei casi di acqua minerale.
La stragrande maggioranza non sarà mai riciclata e solo il 7% sarà usato per produrre nuove bottiglie di plastica. Ma nello stesso intervallo di tempo nel mondo verranno prodotti altri 4,5 milioni di bottiglie di plastica. Nell’Unione Europea l’80-85% dei rifiuti marini trascinati sulle spiagge sono di plastica e, di questi, il 50% sono contenitori di plastica monouso o loro componenti: bottiglie di bevande, tappi, piatti, contenitori per alimenti diversi.
La plastica ha cambiato il nostro modo di vivere. La sua straordinaria multifunzionalità e i costi relativamente bassi l’hanno imposta, con prepotenza, nel nostro quotidiano e farne a meno è una sfida difficile.
È, però, innegabile che è uno dei principali protagonisti della progressiva distruzione del nostro Pianeta e, quindi, continuando a usarla ai ritmi attuali, di fatto, stiamo ribaltando su chi verrà dopo di noi il prezzo della nostra comodità e dei nostri risparmi. Il problema della plastica può essere riassunto così: è normalmente progettata per durare per sempre ma è, nella più parte dei casi, usata una sola volta e poi gettata via.
Il 5 giugno scorso, il Parlamento europeo, a una manciata di giorni dal suo scioglimento, ha approvato la Direttiva 2019/904 sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente.
Uno dei principali obiettivi della Direttiva è abbattere drasticamente, in tutti i Paesi membri, il consumo di plastica per oggetti monouso: tappi per bottiglie di plastica, bottiglie, piatti e forchette, filtri per tabacco innanzitutto.
Le soluzioni individuate dalla Direttiva sono diverse e differenziate per tipologie di prodotti: restrizioni alla loro immissione sul mercato, specifiche tecniche di produzione idonee, ad esempio, a fare in modo che il tappo di una bottiglia nasca e muoia con la bottiglia, azioni di sensibilizzazione, obblighi di informazione, responsabilità estesa dei produttori i quali dovranno farsi carico dei costi connessi alla raccolta e al riciclo e smaltimento dei rifiuti generati. È la strada giusta.
Tra il luglio del 2021 e il luglio del 2024 dovremo, come tutti i Paesi membri, recepire la Direttiva e trasformare le regole in azioni concrete. Ma, probabilmente, possiamo fare di più e possiamo farlo prima.
Per ridurre l’uso della plastica e, in particolare, di quella usata per oggetti monouso come le bottiglie, infatti, non serve necessariamente una legge. Ciascuno di noi può fare la sua parte semplicemente tenendo conto del problema nelle proprie scelte di consumo. Un esempio, tra l’altro, lo ha dato nei giorni scorsi la Camera dei Deputati chiudendo le porte di Montecitorio alle bottiglie di plastica e agli altri analoghi contenitori monouso.
E, con un po’ di coraggio, c’è un’altra partita che si potrebbe giocare. È quella delle ACQUE MINERALI.
Nel 2015, secondo i dati del Ministero dell’economia, in Italia, sono stati emunti quasi 16 miliardi di litri di acqua minerale da 194 concessionari ovvero imprese autorizzate dallo Stato a sfruttare le nostre sorgenti. I canoni di concessione – ovvero le fee che i concessionari hanno pagato all’Erario per lo svolgimento della loro attività – sono stati di 18,4 milioni di euro pari allo 0,68% del fatturato annuo del settore stimato in 2,7 miliardi di euro.
Forse si potrebbe ipotizzare, senza attendere il recepimento della Direttiva europea, di stabilire una regola semplice, equa, a prova di futuro in forza della quale il canone concessorio varia in maniera direttamente proporzionale alla quantità di plastica prodotta: più plastica si usa più il conto è salato, meno plastica si usa più la concessione è a buon mercato.
È solo una questione di priorità. Se il futuro è prioritario, allora è la cosa giusta da fare.
font.blogdellestelle

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (16) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 24

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 737





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |