banner475x1502.jpg
VIGNETTE !!!!!
brunetta venezia1.jpg
il METEO.
Home
Contattaci
Notizie
Collegamenti web
divieto di ingresso
fb-divieto-di-accesso-politici-big.jpg
baratto online

">
 
Rassegna.it
CIVILTANO' - LA 7 NEWS
dal mondo
Intelligente come un polipo!

Che fine ha fatto Tartaglia?

L'uomo che nel 2009 colpì l'allora premier con una miniatura del Duomo è stato fotografato al centro commerciale di Peschiera Borromeo. Le immagini sul settimanale Oggi Nel 2009 ferì l’allora premier Silvio Berlusconi lanciandogli una miniatura del Duomo. Poi venne assolto perché riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del fatto. E a cinque anni di distanza Massimo Tartaglia è stato fotografato mentre partecipava a un casting per lavorare come Babbo Natale in un grosso centro commerciale a pochi chilometri da Milano, la Galleria Borromea di Peschiera Borromeo. Le foto sono state pubblicate dal settimanale Oggi, in edicola mercoledì 10 dicembre. Nessuno degli spettatori che ha assistito al casting lo ha riconosciuto. Alla domanda con chi avrebbe voluto pranzare nei panni di Babbo Natale, Tartaglia ha risposto a Oggi: “Se fossi Babbo Natale, credo che dovrei pranzare con la Befana, sbaglio?”. Ma non vorrebbe cenare con un’attrice o magari con un politico?: “Beh, i politici forse è meglio che li lasci perdere

MOSTRO IN ISLANDA

Il mostro del lago esiste davvero: "E' lungo 30 metri" Nessie, abitante del lago di Loch Ness, è ancora relegata a leggenda. Lagarfljótsormur, mostro del lago di Lagarfljót, è invece realtà. A confermarlo, il governo islandese
ISLANDA - Fino a poche ore fa era solo una leggenda. Niente di più e niente di meno che una sorta di "amico a distanza" di Nessie. Ma da oggi il lago "Lagarfljót" potrebbe superare la fama di quello di Loch Ness. "Lagarfljótsormur", un mostro di novanta metri, esiste davvero. A confermare l'esistenza del lungo serpente è stata una commissione governativa islandese che, con sette voti a favore e sei contrari, ha sancito l'autenticità di un filmato girato nel 2012 e che potete vedere qui sotto. Fino ad oggi il "mostro" era stato bollato come una semplice rete da pesca allungata, ma dopo la votazione della Commissione la versione ufficiale è che "Lagarfljótsormur" esiste. O forse - sottolineamo, forse - si tratta solo di una trovata pubblicitaria del governo per rilanciare il turismo. Forse.

MOSTRO MARINO IN VIETNAM

la notizia del ritrovamento di un gigante mostro marino in Vietnam, riportata dal sito giapponese Karapaia. Nel video la grossa e lunga creatura di colore grigio è circondata da una folla di persone, alcune delle quali impegnata ad ispezionare l'enorme bocca dell'imponente creatura, appoggiata su un rimorchio. Ma cosa potrebbe essere. un verme gigante, un mostro marino, un alieno o addirittura un esperimento animale finito male?

Attenti alle Sirene !!!!!




SCERZO NEL BAGNO DELLE RAGAZZE
LA FOTO DEL FANTASMA

ADAM Cantano con il vibratore


Tutti matti

Alieni in gabbia


spider cat Un gatto si è arrampicato sulla finestra di una porta esterna di una veranda, in perfetto stile Uomo Ragno, aprendo poi la porta per entrare in casa. Il filmato, inviato allo show televisivo America’s Funniest Home Videos, è diventato una hit su YouTube. un fotogramma dell'arrampicata Nella descrizione del filmato viene detto che il gatto si arrampica sul vetro: una prestazione assolutamente notevole, quella del felino, se fosse confermata. Più probabilmente, il gatto si arrampica su una zanzariera, ma questo non toglie nulla al “gesto atletico” del felino.

DONNA BARBUTA E SI PIACE COSI'

Harnaam Kaur soffre della sindrome dell'ovaio policistico, una patologia che fa crescere una folta peluria su braccia, petto e viso. La ragazza ha visto spuntare i primi peli a soli 11 anni e da lì si è trovata ad affrontare un vero dramma psicologico.
Per anni sono stati numerosi gli insulti e le offese che ha dovuto sopportare, persino minacce di morte da parte dei bulli. Oggi però sta bene e ride di tutto questo, grazie all'avvicinamento allo Sikhismo, una religione che vieta di tagliare i peli del proprio corpo.
Harnaam ha deciso di non tagliare più la barba in segno di rispetto verso sé stessa. "Dio mi ha creata così e devo essere contenta, ho imparato ad amarmi per ciò che sono, nulla può più turbarmi".

IO ERO UN ELFO

Decreto Dignità, le persone tornano ad essere persone
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
martedì 03 luglio 2018



Ieri sera in Consiglio dei Ministri è stato approvato il primo provvedimento economico di questo governo che si chiama decreto dignità. Io ve l'avevo promesso, avevamo promesso di fare una guerra al precariato, alla burocrazia, al gioco d'azzardo, alle delocalizzazioni, l'abbiamo detto e l'abbiamo fatto. Oggi alle 14 con una conferenza stampa che andrà in diretta sulla mia pagina Facebook presenterò tutti i dettagli del Decreto.
Non voglio fare proclami, enfatizzare troppo, perché c'è ancora tanto da fare su questi temi, però grazie al nostro decreto si disattiva il redditometro. Lo spesometro prevede adesso un solo adempimento all'anno, a fine anno e basta, invece di quelle comunicazioni trimestrali, semestrali e lo split payment non esiste più per i professionisti che significa dargli un po’ di liquidità in cassa per affrontare le spese.
Per quanto riguarda la lotta al precariato è la "waterloo" del precariato. È finita l'epoca del precariato senza alcun tipo di ragione. Abbiamo limitato la possibilità di abusare dei contratti a tempo determinato e abbiamo aumentato le penali quando ci sono gli ingiusti licenziamenti sul contratto a tempo indeterminato. Significa un po’ più di serenità. Poi dovremo abbassare il costo del lavoro, lo faremo a fine anno nella Legge di Bilancio. Dovremo intervenire su tante cose per le imprese per aumentare ancora di più la stabilità, però questo è un primo passo per dire che non possiamo rinnovare i contratti a tempo determinato all'infinito ai giovani, ai meno giovani senza dargli un po' di serenità.
Le delocalizzazioni: per quanti anni, nei comizi pubblici vi ho detto che serviva una Legge per dire che chi veniva in Italia e prendeva soldi pubblici non se ne poteva andare all'estero quando voleva. Ve l'ho detto per anni, l'abbiamo fatto. C'è una Legge oggi dello stato nel decreto dignità che dice che non solo chi delocalizza ci deve ridare i soldi con gli interessi; due quattro volte pari a due quattro volte quello che hanno preso, ma in più se prendono soldi e poi cominciano a delocalizzare in parte nei paesi dell'Unione Europea, cominciano a licenziare dipendenti e allora gli chiediamo i soldi indietro con gli interessi. E l'ultimo, questo è una cosa che seguivo anche prima di diventare parlamentare oltre cinque anni fa. Il tema del gioco d'azzardo. Abbiamo vietato la pubblicità per il gioco d'azzardo. C'è chi è preoccupato per i contratti in essere, gli abbiamo dato un po’ di tempo per risolverli, ma dopo di che dal giorno in cui entra in vigore il decreto, che adesso dovrà essere firmato dal Presidente della Repubblica; la pubblicità sul gioco d'azzardo in Italia è vietata. Diventiamo uno dei paesi avveniristici in Europa, credo siamo il primo paese in Europa che vieta totalmente la pubblicità sul gioco d'azzardo.
Io non posso descrivervi l'emozione per quello che abbiamo fatto in Consiglio dei Ministri. Certo, c'è tanto da fare, tanto. Non voglio assolutamente illudere nessuno, però cominciamo a ristabilire un po’ di dignità, un po’ di civiltà per questo Paese e rimettiamo al centro le persone, con le loro debolezze con i loro problemi e cominciamo ad aiutarle senza più farle cadere in tentazione, senza più farle sfruttare.
Ieri è stata una giornata importante, perché oltre al decreto dignità abbiamo anche concluso l'accordo di “Italia online". Li avevo incontrati a Torino, erano disperati lavoratori di “Italia online", perché l'azienda stava mettendo fuori oltre 300 persone. Si è trovato un accordo grazie al dottor De Camillis, Giorgio Sorial che hanno seguito questa vicenda al tavolo tutta la giornata e sono andato a salutarli quando hanno chiuso l'accordo e gli ho detto che faremo controlli su tutto l'accordo che hanno sottoscritto, perché lo stato deve garantire questi accordi.
E poi è stata anche una giornata in cui abbiamo fatto il tavolo sui riders e abbiamo avviato i lavori per il contratto collettivo nazionale dei riders, il primo in Europa. Metteremo al centro le tutele di quei ragazzi e stabiliremo che chi fa il rider deve avere delle tutele, altrimenti è illegale la sua assunzione.
E infine ieri sempre in Consiglio dei Ministri abbiamo approvato un decreto che riguarda la terra dei fuochi, abbiamo approvato un decreto che fornisce le imbarcazioni alla guardia costiera libica per aiutare per i salvataggi in mare in Libia i migranti e nel decreto dignità abbiamo inserito una norma che aiuta gli insegnanti delle lauree magistrali, coloro che per effetto della sentenza del Consiglio di Stato dovevano essere licenziati e invece in questo momento abbiamo prorogato di 120 giorni gli effetti in modo tale da poter trovare una soluzione per quegli insegnanti che ci stanno a cuore e che abbiamo incontrato in giro per l'Italia durante la campagna elettorale.
Le cose che ci dicevano che non si potevano fare si sono fatte e questo rappresenta tutto, vi spiega tutte le menzogne che ci hanno detto in tutti questi anni. Non consentite mai a nessuno di dirvi che non si può fare una cosa, perché noi siamo la dimostrazione che le cose si possono fare e che i problemi si possano risolvere. Da domani inizia un'altra era politica per il nostro Paese: senza pubblicità del gioco d'azzardo con meno precariato, meno burocrazia e senza più “prenditori” che si approfittano dei soldi degli imprenditori.
Un abbraccio a tutti, dobbiamo essere tutti orgogliosi di quello che abbiamo creato come Movimento, come progetto politico, perché stiamo iniziando a fare i fatti e ci abbiamo messo anche poco.
di Luigi Di Maio, Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico
font.bloga5stelle


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (1) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 4

 
La terra brucia … e noi restiamo sott’acqua
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
martedì 26 giugno 2018



La sala è affollata. Nella hall del MUSE di Trento si respira aria d’estate, le sale del museo delle scienze diventano balconate e l’architettura di questo luogo ancora una volta custodisce storia e futuro. Ospite d’onore è il climatologo statunitense Michael E. Mann, e che l’atmosfera si scaldi non è solo questione di stagione. Autore nel 1999 di uno studio rivoluzionario che ha ripercorso e analizzato i dati della temperatura media dell’emisfero settentrionale negli ultimi 1000 anni, Mann racconta con parole limpide e sferzante ironia i risultati di anni di ricerche che, se allora potevano sembrare inaspettati e sorprendenti, oggi non sono più, purtroppo, informazioni che possiamo fare finta di non sapere. Al massimo le possiamo ignorare, ma l’attenzione di una sala gremita fa ben sperare.
Sarà una coincidenza che l’inizio dell’impennata della temperatura media sulla terra coincida con l’inizio dell’era industriale e con un utilizzo spregiudicato di combustibili fossili per alimentare le nostre industrie? No. Anzi, l’hockey stick chart, ovvero l’andamento della curva che rileva l’innalzamento della temperatura e che ricorda la forma della tipica mazza usata in questo sport, diventa il simbolo (controverso) non solo del cambiamento climatico in atto, ma delle nostre responsabilità nella sua accelerazione, che procede a ritmi più rapidi di quelli preventivati.
In questa rivoluzione climacentrica, Mann ha avuto un ruolo simile a quello di Galileo: ha fondato un nuovo modo di leggerne il cambiamento, rinunciando a venire a patti con i negazionisti e perseguendo la solidità delle testimonianze scientifiche. Perché oggi, di cambiamento climatico, tutti abbiamo sentito parlare: pochi però hanno le competenze e i dati necessari per farlo con serietà e spesso si rischia di cadere in affermazioni prive di basi certe, che fanno leva sulle paure, sulla costruzione del consenso, su un’agenda politica che velocemente lo esclude dalle proprie priorità di riflessione e di azione. Perché quello del cambiamento climatico è un tema che, nell’attacco frontale agli scienziati che lo studiano, sottende interessi legati a uno specifico modello di sviluppo e rilevanti al punto da finanziare campagne di disinformazione: si pensi al cosiddetto climategate, che ha insinuato più di un dubbio sulla validità dei metodi e dei risultati e che ha coinvolto in una vergognosa caccia alle streghe e in maniera nient’affatto marginale lo stesso Mann.
Ma non è solo la tempra di Mann a tenere testa alle diffamazioni dei negazionisti. È quel sano scetticismo che permette di ottenere dati certi e verificati, che ci dicono qualcosa su quello che Mann chiama “the madhouse effect”, giocando sull’equivoco tra greenhouse effect (effetto serra) e White House effect (alla Casa Bianca in questo momento abita uno dei negazionisti tra i più cialtroni), che ha un-non-so-che di mad, di folle.
Dire che nel cambiamento climatico l’uomo abbia una grande responsabilità non equivale a dire che l’uomo lo provochi: si tratta come detto di imprimere un’accelerazione significativa a processi che per intervento umano diventano rapidamente più estremi e che, diciamolo, non interessa solo gli orsi polari e i pinguini, ma tutti noi. Un esempio su tutti: la tragica siccità che ha colpito la Siria, diventata terreno fertile solo per organizzazioni come l’ISIS. Il cambiamento climatico racconta di noi più di quanto si immagini: guerre, conflitti, minacce alla nostra sicurezza, migrazioni epiche, rifugiati ambientali. Che l’anno 2014 sia stato il più caldo fino al 2015 e che il 2015 lo sia stato fino al 2016 e il 2016 fino al 2017 (anno che rimane per adesso sul secondo gradino del podio più infiammato di sempre) ha molto a che vedere con i nostri bisogni (veri o indotti) e con il nostro modo di soddisfarli: combustibili fossili, impronta ecologica fuori misura, filiere alimentari per nulla improntate alla sovranità alimentare e alle piccole comunità locali, ma vittime dei grandi allevamenti intensivi (leggasi: cow farts e annessi) e delle monoculture, solo per fare alcuni esempi. Eppure ci sono persone che sostengono che “l’innalzamento dell’acqua del mare è provocato dalle pietre che cadono nell’oceano”, per citare il repubblicano Brooks.
Se prospettare soluzioni futuristiche è una possibilità che la geoingegneria non esclude, dallo sparare particelle nell’atmosfera per schermare il sole all’iniettare ferro negli oceani perché le alghe possano assorbire più anidride carbonica, occorre considerare che la maggior parte di queste idee comportano conseguenze non del tutto conosciute e potenzialmente pericolose. Non si tratta solo di un problema economico, scientifico o politico – e Mann cita Papa Francesco: si tratta di un problema etico. Quale mondo vogliamo lasciare a chi verrà dopo di noi, ammesso che gliene si voglia lasciare uno? L’Accordo di Parigi è un primo passo, ma firmarlo non vuol dire automaticamente saper agire per implementare azioni che vadano nella direzione del contenimento dell’innalzamento delle temperature: accettare un problema ma non impegnarsi a trovare soluzioni che lo risolvano è una forma soft di negazionismo, che ci porta inesorabilmente verso una passiva arrendevolezza. La responsabilità è di ciascuno di noi, ma lo è anche e in primo luogo dei decisori politici, che sono chiamati a modificare la struttura degli incentivi economici a favore di una transizione urgente dai combustibili fossili verso le energie rinnovabili.
Perché non possiamo semplicemente adattarci a questo cambiamento? È una provocazione che i negazionisti utilizzano, ma che equivale a chiederci più o meno perché, se i nostri figli hanno la febbre, non accettiamo semplicemente che abbiano un po’ più caldo? Mann osserva: se per un corpo umano 2°C fanno la differenza tra l’essere sani e l’essere ammalati, perché non dovrebbe essere valido anche per un organismo così elaborato e complesso come la Terra? La domanda rimane sospesa, ma la risposta è evidente ed è chiusa nellanecessità di sostenere il pensiero critico e l’educazione al metodo scientifico, strumenti imprescindibili per la valutazione di ciò che ci accade intorno. Il cambiamento climatico è entrato a far parte del nostro modo di guardare la contemporaneità e occorre costruire insieme una società che sappia scegliere le proprie soluzioni, indirizzate a comportamenti positivi nei confronti del Pianeta.
di Anna Molinari
font.unimondo.org
Anna Molinari
Giornalista pubblicista, laureata in Bioetica presso la Facoltà di Scienze Filosofiche di Bologna, ha frequentato a Roma la scuola di Scienze politiche internazionali, cooperazione e sviluppo di Focsiv e ha lavorato presso il Ministero dell’Interno - Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Consiglio Italiano per i Rifugiati. Dal 2011 cura per Fondazione Fontana Onlus e in provincia di Trento laboratori formativi e percorsi di sensibilizzazione rivolti a scuole e cittadinanza su temi a carattere sociale, con particolare attenzione a tutela ambientale, sovranità alimentare, stili di vita sostenibili ed educazione.

Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (4) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 17

 
Noi, i ribelli dell’Oro rosso. Da noi la passata di pomodoro è etica
Valutazione utente: / 0
Scritto da Administrator   
domenica 17 giugno 2018



Lavorano dodici ore al giorno sotto il sole, fino a morire di fatica. Vivono accampati a migliaia in tendopoli o stipati in ghetti fatiscenti, ai margini dei campi dove vengono prodotte le primizie made in Italy. Sono soprattutto lavoratori stagionali stranieri, perché lo sfruttamento viaggia di pari passo con il fenomeno della tratta dei migranti, ma ci sono anche i braccianti italiani, come Paola Clemente, la 49enne di San Giorgio Jonico stroncata dal caldo due anni fa, mentre lavorava nei campi a 2 euro l’ora. Per tutti le regole non scritte dei caporali dell’agromafia sono più o meno le stesse: nessun contratto, un salario tra i 22 e i 30 euro al giorno - meno della metà dei minimi legali - e poi tantissimo lavoro a cottimo, unito a un corollario di violenze, ricatti, abusi come la sottrazione dei documenti, i guanti venduti a peso d’oro, il trasporto o il cibo a prezzi imposti, da pagare agli stessi aguzzini, sotto la minaccia concreta di essere lasciati a casa.
È a quest’inferno che vogliono sottrarsi i ragazzi della salsa SfruttaZero, il pomodoro senza sopraffazioni, coltivato dagli attivisti di Diritti a Sud e di Solidaria, insieme a un gruppo di migranti registrati e pagati regolarmente nelle campagne della Puglia, la regione più martoriata dalla piaga del caporalato. «Coltivare i campi senza sfruttamento è possibile e noi lo stiamo facendo», spiega Rosa Vaglio, portavoce di Diritti a Sud, che già da tre anni partecipa alla gestione del progetto SfruttaZero, con notevole successo. «Siamo partiti nell’estate del 2016, con una produzione di 2500 vasetti di salsa», racconta. «L’anno scorso siamo arrivati quasi a 20mila vasetti, tra il terreno coltivato a Nardò e quello di Bari, e quest’anno saranno ancora di più», prevede.
L’oro rosso si vende bene nei Gas, nelle fiere e nella rete di FuoriMercato e il marchio comincia ad essere conosciuto, anche grazie al Premio Livatino, che gli è stato assegnato nel 2016 per sostenere il forte impegno antimafia. «Ormai riceviamo ordini dalla Germania, dalla Francia e dall’Austria, oltre che dall’Italia», si rallegra Vaglio. Il progetto, avviato un po’ per provocazione nel cortile di una scuola occupata, si è allargato a terreni regolarmente affittati a Nardò e nel quartiere Japigia di Bari, con l’intenzione di diventare un’attività stabile, anche grazie ai finanziamenti della Chiesa Valdese e di Banca Etica. «L’idea è nata nel ghetto di Nardò, dove vivevano centinaia di migranti ammassati in una baraccopoli degradata, ma l’iniziativa non è partita solo per combattere lo sfruttamento degli stranieri. Vogliamo dignità per tutti, anche per noi giovani, oppressi dalla disoccupazione che attanaglia tutto il Meridione. Qui al Sud c’è poco lavoro anche per chi ha studiato: tra noi ci sono ragazzi laureati, con master e dottorati, che non riescono a inserirsi, mentre ci troviamo di fronte a gente che trasforma il lavoro agricolo in un abisso di sofferenza», ragiona Vaglio.
Gli attivisti di Diritti a Sud e Solidaria, invece, hanno deciso di rimboccarsi le maniche e creare una realtà diversa, dove poter lavorare dignitosamente a fianco dei braccianti venuti dall’altra sponda del Mediterraneo: «La salsa per noi ha un elevato valore simbolico, di incontro fra i popoli e perciò cerchiamo di produrla in maniera genuina, abbiamo fatto dei corsi di agricoltura naturale e non usiamo prodotti chimici sui nostri campi». I ragazzi di SfruttaZero sui loro vasetti vogliono metterci la faccia, come si vede anche dalle etichette, decorate con i ritratti dei lavoratori che hanno contribuito a produrre quella salsa. I costi, naturalmente, sono superiori. Registrare regolarmente i collaboratori significa ridurre i margini di guadagno e perdere competitività rispetto alle aziende che prosperano sul lavoro nero e quindi possono tenere i prezzi più bassi. Nel suo ultimo rapporto su «Agromafie e caporalato», la Flai Cgil ha censito 80 distretti agricoli basati sullo sfruttamento, con varie forme di illegalità e infiltrazione mafiosa nell’intera filiera, che si arricchisce di un’economia sommersa da 14-17 miliardi di euro. SfruttaZero, dunque, gioca a Davide contro Golia: di fronte a un mostro di queste dimensioni, è chiaro che le barriere all’ingresso per una piccola realtà artigianale sono molto alte.
«Trovare un campo da affittare è difficile. I terreni sono prevalentemente nelle mani di pochi grandi latifondisti, mentre gli appezzamenti più piccoli spesso sono abbandonati perché di proprietà di famiglie sfaldate, con eredi sparsi in giro per il mondo, ma quest’anno siamo riusciti a trovare due ettari qui a Nardò da coltivare: abbiamo già messo in terra ventimila piantine», spiega Vaglio. Per ora l’associazione ha solo 5 collaboratori contrattualizzati, tre italiani, un tunisino e un sudanese, ma quando inizierà la raccolta, verso il 10 luglio, ci sarà bisogno di molta più manodopera. «L’anno scorso abbiamo fatto 21 contratti agricoli», racconta Vaglio, che quest’anno prevede di farne qualcuno in più. È una goccia nel mare del mezzo milione di persone schiavizzate nelle campagne italiane, in base ai calcoli della Flai Cgil. Ma è pur sempre un passo avanti nella direzione giusta.
di Elena Comelli
font. Corriere.it/unimondo.org


Lascia il primo commento! | Aggiungi ai preferiti (8) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 25

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 649





NIGERIA TV..........................................................
NIGERIA TV



MOTIVAZIOI ASSOLUZIONE BERLUSCONI PROCESSO RUBY




Sirene, ilmistero svelato su DISCOVERY


squalo mangia squalo


STRAORDINARIO


UKRAINA..TV...........................................
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
WEBCAM WORLDWEBCAM....................................
Parigi
Vai alla webcam Paris, Eiffel Tower - EiffelCam 285 a Europa / Francia / Quartier des Invalides


vivere di sola frutta

PALAS Civitanova Marche





  | Top |